Sanremo 2022, Sabrina Ferilli e il monologo sulle donne

[ULTIM’ORA] Sanremo 2022, Mahmood e Blanco verso la vittoria? Loro dicono: “Chi è il favorito non vince mai”
5 Febbraio 2022
Sanremo 2022, Marco Mengoni è il super ospite della Finale
6 Febbraio 2022

Com’è il ruolo delle donne all’interno delle famiglie? Se l’è chiesto Sabrina Ferilli, la co-conduttrice del Festival di Sanremo 2022.

“Gli uomini decidono per le donne e occupano tutti i livelli di gerarchia lavorativa. Vorrei fare un monologo sugli uomini che comandano, ma ci ho rinunciato perché non mi sembrava il caso. Vorrei quindi trattare la tematica della bellezza interiore: delle imperfezioni fisiche. E’ importante, ma sono quattro giorni che mangio radici per entrare in questo vestito. Mi hanno così suggerito di parlare di amore; è un argomento che riguarda tutti. Chi più, chi meno. Parliamo di amori particolari e asfissianti, di dipendenza. Mi sembrava un argomento interessante, ma non mi sembrato proprio il caso.
Abbiamo toccato i problemi più importanti: perché non si parla di femminismo, di body positivity, di inclusione? Io penso che, per parlare di questi argomenti, c’è bisogno che lo faccia chi studia davvero queste tematiche e chi le conosce più di tutti. Io sono molto rispettosa delle competenze altrui, e trovo che ognuno debba parlare di quello che sa. Se non fosse così, avrei scritto sotto traccia ‘virologa’, ‘allenatrice di calcio’, ‘esperta delle calamità naturali’. E quindi che si fa? Il riscaldamento della terra, la sovrappopolazione, la disparità salariale: questi sono argomenti di cui parlare. Però mi sono detta: perché la mia presenza deve essere per forza legata a un problema? Perché devo dare un senso oltre quello che sono, per giustificare il fatto di essere qui? Sono qui per il mio lavoro, per le mie passioni, per le mie amicizie. Sono cose veramente grandi e, molto spesso, anche superiori alle nostre conoscenze. Queste sono senz’altro le cose più belle che possano accompagnare le donne ovunque: la nostra storia. Ognuno parla di quello che sente. Ho scelto questa strada della leggerezza perché, come diceva Calvino, “in tempi così pesanti, bisogna saper usare la leggerezza”.