Nuovo sponsor tecnico per gli Azzurri dal 2023: torna la partnership con Adidas

DiValentina Pasquali

Giu 6, 2022

Da Gennaio 2023, nuovo sponsor per tutte le Nazionali Azzurre (maschile, femminile, giovanile, futsal, beach soccer e e-sport). Gravina parla della collaborazione dai vertici FIGC: “Rafforza il processo di sviluppo del nostro brand sia in Italia che all’estero”.

Dopo lo stop con Puma, sponsor delle Nazionali dal 2004, che avverrà a fine 2022 arriverà il brand tedesco Adidas a vestire gli Azzurri, colosso dell’abbigliamento internazionale dallo slogan “Impossibile is nothing” e storico rivale di Puma fin dalle origini. Adidas era stato sponsor tecnico della Nazionale tra il 1974 e il 1978 e sta per tornare sulle maglie azzurre dei nostri atleti dopo un lungo stop in cui aveva ceduto il posto a marchi come Le coq sportif, Diadora, Nike, Kappa e Puma.

Aveva quindi aperto la strada alle sponsorizzazioni tecniche nel calcio e ora, come in una favola, è tornata in testa. Quello che cambia rispetto agli esordi in Nazionale è la rappresentazione del logo, il quale negli anni ’70 non appariva sulle maglie come ora ma il marchio era soltanto simboleggiato dalle famose tre strisce sui calzettoni dei giocatori. E’ stato il Presidente della FIGC Gabriele Gravina ad annunciare il nuovo accordo: “La passione e l’entusiasmo che abbiamo riscontrato in Adidas sono gli stessi che la Federazione profonde ogni giorno nella valorizzazione di tutte le Nazionali Azzurre e del calcio italiano a ogni livello”.

LEGGI ANCHE –> Perisic, la fine della telenovela sul rinnovo del contratto

Questo accordo arriva in un momento proficuo per Adidas, la quale esce da un’annata di ricavi che hanno raggiunto i 21,2 miliardi di euro a fine 2021. Ottima scelta quindi quella dell’unione tra la Nazionale Italiana e il brand a tre strisce, come ha dichiarato anche Kasper Rorsted, Ceo Adidas: “Siamo incredibilmente orgogliosi di annunciare questa partnership”. L’Italia si unirà alle già sponsorizzate Adidas Spagna, Germania, Belgio e Argentina.

Articolo a cura di Valentina Pasquali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *