Giornata Nazionale dello Sport. Mattarella: “Chi si impegna per lo sport e lo diffonde, aiuta il Paese”

Passione Live, il 2 luglio il concerto della musica napoletana
30 Maggio 2022
Sanremo Summer Symphony, al via il 21 giugno
30 Maggio 2022

Domenica 5 Giugno si celebrerà la Giornata Nazionale dello Sport su tutto il territorio italiano. Una giornata, istituita dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri il 27 novembre 2003, all’insegna del divertimento, della promozione e del valore che lo sport tramanda fin dalle sue origini.

Saranno molti i comuni italiani che organizzeranno manifestazioni, eventi sportivi e feste nella prima domenica di Giugno. Il motto ufficiale della GNS 2022 è stato pronunciato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella allo Stadio dei Marmi a Roma nella sua onorevole visita al Coni del 12 Giugno 2017, passata alla storia per essere stata la prima visita di un Capo di Stato alla sede del Comitato Olimpico Nazionale Italiano: “Chi si impegna per lo sport e lo diffonde, aiuta il Paese”.

In effetti, lo sport da sempre ci insegna che solo con la collaborazione, l’integrazione e l’impegno si ottengono dei risultati; partendo da un necessario attivismo locale per poi espandersi ed arrivare sempre più in alto. Ancora più forte è questo messaggio se si pensa al lungo stop provocato dalla pandemia, che ha avuto conseguenze tangibili anche nel mondo dello sport. Le 40 medaglie italiane degli scorsi Giochi Olimpici di Tokyo 2020 ci insegnano però che si può e si deve sempre ripartire. Il palmarès di vittorie dell’Italia in 19 discipline diverse, dalla scherma al salto in alto, non veniva superato dai Giochi della XVII Olimpiade di Roma del 1960, segnando così una grande ripartenza per il nostro Paese.

LEGGI ANCHE –> Air Jordan: il centrato canestro della Nike

E’ quindi preziosa la Giornata Nazionale dello Sport, che abbraccia molti aspetti della nostra società e che invita ognuno di noi a partecipare e ad impegnarsi per un futuro all’insegna dello sport, principio fondamentale di ogni comunità; concetto che il Presidente Mattarella aveva ampiamente esposto durante la sua visita al Coni: “Sbagliano quanti considerano lo sport come marginale nella vita sociale, come un tempo di ricreazione. Lo sport è invece una leva di grande efficacia sul piano sociale, culturale, educativo, con rilevanti ricadute economiche.” Dal punto di vista culturale infatti, rappresenta un forte elemento di inclusione ed integrazione, di nuovo espresso dal Capo di Stato: “Lo sport ripudi violenza e razzismo”.

Articolo a cura di Valentina Pasquali