Maria Tona, da Uomini e Donne al singolo Pezzi: “Guardatevi come un Picasso” | Il brano sulla chirurgia estetica

Ditonellapiaga vince la prestigiosa Targa Tenco
13 Luglio 2022
Alex, il finalista di Amici 2021, annuncia le date del tour
13 Luglio 2022

Ph. Cristiana Fiorini

Dopo la sua partecipazione al Trono Over di Uomini e Donne e varie esperienze televisive, Maria Tona ha esordito nel mondo musicale con il brano Pezzi. Un singolo, questo, che rappresenta un inno alla bellezza femminile: si parla di chirurgia estetica e di quanto sia bello – per ogni donna – piacersi e guardarsi come un’opera d’arte. La Tona ha così accettato di incontrarci e ci ha parlato di tutti i suoi progetti, tra presente e futuro.


Ti abbiamo visto nel piccolo schermo durante la tua partecipazione a Uomini e Donne: com’è avvenuto poi il tuo approccio alla musica? Quando hai compreso che avresti voluto intraprendere anche questa strada?

Uomini e Donne nasce molto casualmente; io vengo dal teatro e dal cinema. Ho fatto lavori indipendenti, ma quello è un settore che ha molto meno visualizzazioni. Con Uomini e Donne è arrivata la popolarità, ho partecipato all’edizione che ha avuto più ascolti perché erano tutti chiusi in casa. Ero la nemica di Gemma, e a livello di amore non ho concluso nulla ma nemmeno mi interessava. Il pubblico – da allora – mi riconosce e sottolinea affetto nei miei confronti. Il mio settore – la medicina estetica – ha sicuramente dei benefici: mi è stato così proposto di rilanciarmi in una nuova sfida e mi ha chiesto di fare un disco.

Parliamo appunto del tuo nuovo singolo Pezzi: dove nasce l’idea per questo brano?

Ho subito accettato, con l’obiettivo di divertirmi innanzitutto. Io ho avuto 5 figli e, da giovane, ho avuto le mie responsabilità: ho così voluto adesso rivivere i vantaggi di una situazione economica tranquilla senza dimenticarmi che ho voglia di divertirmi e di mettermi in gioco. Questa è la filosofia che mi ha legato al programma e alla mia canzone. Da lì nasce questo brano, che è soprattutto un’autoironia: mi sono infatti presa in giro per il fatto che sono una donna rifatta. Il videoclip è stato girato con i miei figli: le mie 4 figlie sono tutte a favore della chirurgia estetica; chi ha avuto figli ha già fatto delle modifiche estetiche. Il video si conclude poi con il mio figlio che dice “Io mi dissocio“, e questo rappresenta l’altra parte della gente che non concorda con la chirurgia. Ci tengo inoltre a precisare che sono stata curata – per il videoclip – da una squadra bravissima di stylist.

Questo brano parla soprattutto di bellezza femminile e dell’importanza del piacersi. Cosa consiglieresti alle donne che hanno poca autostima di sé?

L’autostima è quella marcia in più che ci serve; noi abbiamo un rapporto strano con gli uomini. Li amiamo e li odiamo. Laddove ho conosciuto donne che non si volevano bene, ho visto delle grandissime sofferenze nell’amore. Il segreto è quello di volersi bene, di guardarsi proprio come un Picasso. Quando una donna non si vuole bene crolla in qualsiasi problema esterno. L’autostima è importante per guardarsi e darsi la forza per andare avanti.

Ph. Cristiana Fiorini

Nel singolo parli di chirurgia estetica e dei ritocchi estetici: cos’ha rappresentato la chirurgia nella tua vita?

A 33 anni ho fatto una bellissima carriera con un personaggio che purtroppo ora non c’è più: Giancarlo Bornigia, il creatore del piper. Ho iniziato approcciandomi al cabaret, realizzando degli spettacoli nelle discoteche. Andai così dal proprietario e gli proposi di rifarmi il seno. Ho affrontato questo intervento, e ho capito che era un mondo che mi piaceva molto. Da lì non mi sono più fermata.

LEGGI ANCHE –> Al via Naturalmente Pianoforte: ne parla Enzo Gentile, Direttore Artistico del Festival

Quali sono i tuoi futuri progetti? Puoi anticiparci qualcosa?

Mi vedrete prestissimo in una veste completamente diversa, ma anche molto ironica e reale. Sarà una cosa che durerà per un anno, e sarà senz’altro un nuovo capitolo della mia vita.

Intervista a cura di Stefania Meneghella