Lizzie Short, la sua vita tra Hollywood e sogni: “Chi interpretavo in Don’t Look Up”

Lettera alla mia Ansia
28 Febbraio 2022
Lizzie Short, her life between Hollywood and dreams: “Who I played in Don’t Look Up”
28 Febbraio 2022

Photo: Stephanie Naru


Attrice e scrittrice residente a New York, Lizzie Short ha già numerose esperienze in vari progetti televisivi e cinematografici. Ha infatti preso parte ai film ‘Piccole donne‘ di Greta Gerwig, al film Netflix ‘I care a lot‘ e, più recentemente, al film ‘Don’t Look Up‘ con Leonardo Di Caprio e Jennifer Lawrence.


La recitazione ormai fa parte di te. Ma quando hai capito che sarebbe stata la tua strada?

Ho sempre voluto recitare, ma per molto tempo pensavo che non fosse possibile. Non conoscevo nessun attore quando ero piccola, quindi recitare sembrava una cosa impossibile da perseguire. Ma penso che ogni artista sappia cosa c’è dentro di sé: la difficoltà sta nell’avere la fede per perseguire la tua visione interiore prima che abbia una forma esterna. Ogni artista inizia così.

Hai preso parte a numerosi film di Hollywood. Ce n’è uno in particolare a cui sei particolarmente legato?

Sì! Mi è piaciuto molto lavorare su I Care A Lot. L’atmosfera sul set era molto amichevole e calorosa, ed è stato incredibile lavorare brevemente con l’incredibile Dianne Wiest. Lei è la forza della natura! È stato bello lavorare con il regista, J. Blakeson, e mi sono divertita davvero molto.

Parliamo ora del tuo recente ruolo in ‘Don’t Look Up’, un film che ha avuto diverse nomination agli Oscar 2022. Come è stato interpretare quel personaggio?

Ho interpretato una giornalista francese e gran parte della scena è stata tagliata. Il personaggio ha fatto il suo lavoro, ma ovviamente questo ha inciso anche sulla realtà personale della situazione: cosa significherebbe per lei, come persona, se la cometa colpisse la terra? O se la missione fosse riuscita a far saltare in aria la cometa?

Photo: Stephanie Naru

Hai recentemente vinto il premio come migliore attrice per ‘Parenthood 2050’ al Devenir Realisateur Film Festival di Parigi. Com’è stato ricevere quel premio? Te lo saresti mai aspettato?

È stato fantastico ricevere quel premio! Non me lo aspettavo affatto. L’ho scoperto mentre stavo viaggiando in treno. La regista del film, Lana Bolycheva, mi ha chiamata per dirmi che avevo vinto come miglior attrice. È stato così eccitante. Non avevo mai vinto un premio prima!

Qui in Italia, siamo spesso affascinati dal grande cinema americano. Come definiresti il mondo del cinema negli Stati Uniti? Quali sono le principali difficoltà che si incontrano?

È un fatto simpatico, perché anche io sono affascinata dal cinema italiano! Ho visto L’Avventura ieri sera per la prima volta (ho ancora molti film da guardare!) e l’ho adorato. Monica Vitti è così magnetica! Una tale ispirazione. Il mondo del cinema americano è molto simile al mondo degli affari. Certo, c’è molta abilità artistica, ma Hollywood è un business. Perché per gli attori all’inizio della carriera (come me), la parte più difficile è trovare opportunità di lavoro. Ci sono così tanti attori di talento, quindi può essere difficile ottenere quel primo ruolo da attore. E anche una volta fatto, non è facile continuare a trovare lavoro. Ma credo che le giuste opportunità ti arriveranno se ti stai mettendo in gioco, ti stai godendo la vita, se pratichi il tuo mestiere, sei gentile e onori la tua visione interiore.

LEGGI ANCHE –> Sonia Yuan parla di Drive My Car: “Vincerà l’Oscar? Sarebbe fantastico”

Ci sono nuovi progetti di lavoro in ballo? Cosa puoi dirci sul tuo futuro?

La prossima settimana farò una lettura per la sceneggiatura di un film, che sarà divertente! Sarò presente anche in un progetto teatrale a New York a fine marzo. Ho fatto audizioni, scritto, preso lezioni e lavorato su alcuni monologhi. Spero di iniziare a fare più lavori teatrali ora che vivo a New York e le opportunità si stanno aprendo!

Intervista a cura di Stefania Meneghella