Francesca Agostini torna in tv con Noi: “Il ruolo di Sofia? L’ho amato sin da subito”

Davide Locatelli si presenta in This is Dave: “Lì c’è tutta la mia storia” | Poi dice: “Così ho comunicato la Pace”
1 Marzo 2022
Noi, Aurora Ruffino si racconta: “Il lavoro più bello e più difficile” | Poi parla della sua Rebecca
2 Marzo 2022

Francesca Agostini torna nel piccolo schermo con la serie tv ‘Noi‘, il revival italiano del celebre progetto televisivo ‘This is Us‘ (che ha riscosso un grande successo a livello mondiale). L’attrice interpreterà Sofia, il grande amore di Claudio: un personaggio importante, dolce, amato da tutti.

La Agostini ha così accettato di incontrarci, e ci ha parlato dei suoi progetti passati e futuri: di quello che ha in serbo per lei il mondo recitativo e di quanto sia stato bello impersonare il ruolo di Sofia. Questo è quello che ci ha rivelato.


Come hai compreso che la recitazione sarebbe stata la tua strada? Quando nasce questa passione?

E’ nata abbastanza presto e in un modo inconscio. Già alla prima recita delle elementari, che era dedicata a I Promessi Sposi, tutti volevano interpretare Lucia ma io scelsi la Perpetua di Don Abbondio. Mi faceva molto ridere, e avevo già allora un amore per la commedia. Mi ricordo che andai in scena con questo spettacolo: provai un’emozione che non avevo mai provato con nessun’altra disciplina. Non ho più recitato per un bel po’ di tempo. Ho ricominciato alle superiori, e ho avuto la fortuna di incontrare un regista, che mi ha fatto debuttare quando avevo 18 anni nello spettacolo ‘Enrico IV‘ di Luigi Pirandello. Da lì, ho capito che questa sarebbe stata la mia strada.

Sei diventata nota grazie al personaggio di Lara nella serie tv L’Allieva. Cosa è cambiato da allora?

Il personaggio Lara mi ha portato ad avere un ruolo continuativo, e mi ha dato la possibilità di stare molto tempo sul set. Ho lavorato sull’evoluzione del personaggio: sono cresciuta io come persona, insieme a lei. Ho imparato moltissimo da Lara. Sicuramente, ho imparato tantissimo a stare sul set. Avevo una formazione teatrale, e avevo un altro modo di stare in scena, di studiare il personaggio. Lavorando cinque anni per la serie, mi ha dato una grande possibilità di allenamento sul campo.

Com’è stato lavorare con Alessandra Mastronardi? Cosa ti ha lasciato lei, professionalmente parlando?

Lei è una vera professionista. Nel corso delle riprese de L’Allieva, lei è stata sul set tutto il tempo: non esistevano scene senza Alice. Era costretta a stare tutti i giorni e tutto il giorno. Nonostante la stanchezza e le difficoltà, manteneva sempre una gentilezza nei confronti di tutti, un buonumore, una serenità che non è facile. Da lei ho imparato questo. E’ una grandissima lavoratrice ed è una persona che ama molto il suo lavoro. Tende a proteggere le persone attorno a lei.

Stai per ritornare nel piccolo schermo con la nuova serie tv ‘Noi’, il remake italiano di This is Us. Cosa puoi anticiparci su questo progetto? Quanto è simile alla serie tv americana?

C’è sicuramente la stessa struttura della serie tv americana. Ovviamente, ci sono molti aspetti storici diversi (dato che è stato girato in un Paese diverso). La struttura famigliare è però quella, e non si poteva cambiare. Ci sono alcuni aspetti che sono rimasti uguali, dato che la base della storia è la stessa.

Interpreterai il personaggio di Sofia. Cosa ti ha lasciato più di tutto questo ruolo? Quanto c’è di Sofia in te?

Per la prima volta, mi è capitato di interpretare un personaggio estremamente positivo. In altre occasioni, ho sempre impersonato personaggi ambigui con una punta di cinismo e ironia. Sofia è estremamente positiva: è il grande amore di Claudio, è amata da tutta la famiglia. E’ una persona che non puoi non amare, e io in primis l’ho amata. E’ la parte materna, più dolce, accogliente di cui Claudio ha bisogno in quel momento della sua vita.

LEGGI ANCHE –> Lizzie Short, la sua vita tra Hollywood e sogni: “Chi interpretavo in Don’t Look Up”

Qual è il messaggio principale che questa serie vuole lanciare?

C’è sicuramente tanto amore. Quello che tocca è qualcosa che ci accomuna tutti: la famiglia, i rapporti con la famiglia, con i genitori, l’amore con i fratelli, le difficoltà. Questi aspetti toccano le fasi della vita: l’infanzia, l’età adulta, la vecchiaia. Parla di vita, di amore, di perdono.

Cosa ti riserva il futuro? Ci sono progetti in ballo?

Ci sarebbe un bel progetto che sto realizzando, ma non posso ancora svelare nulla!

Intervista a cura di Stefania Meneghella