Davide De Marinis e la sua Bom Bom per la Little Tony Family: “Ecco il mio primo incontro con Little Tony”

Hubble cattura una misteriosa galassia distorta
23 Giugno 2022
Taylor Swift, da oggi disponibile il nuovo singolo “Carolina”
24 Giugno 2022

Ph. Pino Polesi

Davide De Marinis – affermato cantautore della musica italiana – ha scritto e composto, insieme ad Angelo Petruccetti, il brano Bom Bom per la Little Tony Family. La canzone – che vede la collaborazione di Cristiana Ciacci, la figlia di Little Tony -, riprende chiaramente l’iconico stile musicale del grande e compianto artista, che ha rappresentato davvero molto per il panorama artistico nazionale. Il singolo è un inno all’allegria e alla spensieratezza; è però soprattutto un invito a lasciarsi andare, a vivere, semplicemente a danzare.


Hai ricevuto numerosi riconoscimenti musicali, ma quando nasce la fiammella per la musica? Quando hai scoperto che sarebbe stata la tua strada?

Mi sembra di poter dire con certezza che è accaduto quando ero bambino; mi ricordo che da piccolo sognavo di essere intervistato, di imparare a suonare la chitarra e credo che uno degli esempi che ho avuto sia stata mia nonna Anna di Pozzuoli. Lei suonava e cantava benissimo, da bambino andavo a casa sua. Avevo l’immagine di mia nonna che mi cantava le canzoni in napoletano. Intorno ai 7/8 anni, sono arrivato lì e ho detto a lei che stavo imparando anche io a suonare la chitarra. Da allora ho sempre studiato e, a 13/14 anni, ho iniziato a scrivere canzoni.

Parliamo del singolo Bom Bom che hai realizzato con la Little Tony Family: dove nasce l’idea per questo brano?

Più o meno l’anno scorso, ero sul divano di casa con la mia chitarra e, come spesso mi capita di mattina, ho iniziato ad annotare delle frasi melodiche. Quella mattina mi è venuta questa strofa, l’ho segnata e ho continuato a scrivere la canzone. Mi sembrava un rock anni 60: ho così pensato ai miei amici della Little Tony Family. Ho fatto ascoltare loro la canzone, e l’hanno subito apprezzata.

Questo è sicuramente un progetto molto importante, che ricorda anche il grande Little Tony. Cos’ha rappresentato per te la sua musica e cos’ha rappresentato per l’Italia?

Ha sicuramente rappresentato in Italia il rock in stile Elvis Presley. È il massimo esponente di questo genere. Sua figlia Cristiana mi ha riferito che aveva un’attenzione maniacale per il look e la cura del corpo; amava inoltre le macchine antiche come la cadillac. Aveva questo stile molto dance, che ha portato non solo sulla scena, ma anche nella vita. Ho due bellissimi ricordi legati a lui: 20 anni fa l’ho conosciuto. Eravamo nella hall di un hotel a Lamezia Terme ed entrambi avevamo appena terminato una serata. Lo vidi davanti alla reception, mi recai da lui e lui – anche se era un po’ stanco – ha fatto un bel sorriso e mi ha fatto un in bocca al lupo. A distanza di 20 anni, a Tale e Quale Show ho cantato Cuore e Matto e mi hanno vestito da Little Tony. Questa mi è sembrata subito una coincidenza.

Per la realizzazione di questo singolo, hai lavorato con Cristiana Ciacci e Angelo Petruccetti. Com’è nato il vostro incontro e com’è stata la vostra collaborazione?

L’incontro risale al periodo della pandemia, quando avevo scritto una canzone per uno scopo benefico: “Andrà tutto bene”. Ho così chiamato – con il mio manager – 70 artisti che hanno cantato con me questa canzone. Nel cast c’era anche Cristiana Ciacci: quello è stato il nostro primo contatto. Il secondo è invece stato un anno dopo, quando ho scritto il brano Wow per la Little Tony Family. Ho anche partecipato al loro videoclip e ho interpretato Fonzies. Con loro due mi trovo bene, e c’è una bella amicizia: sono persone semplici, simpatiche, alla mano.

Il tuo è uno stile artistico molto originale, ma dove nasce l’approccio per questo genere? Chi sono stati i tuoi maestri musicali?

La scuola del cantautorato italiano è stata per me fondamentale. Da ragazzino ho ascoltato tutti i cantautori italiani: Lucio Dalla, De Gregori, Venditti, Vasco Rossi, Battisti. Credo di aver imparato e imitato un po’ da tutti. Crescendo ho iniziato a evidenziare la mia personalità; il mio modo di scrivere è basato soprattutto sull’istinto.

LEGGI ANCHE –> Anna Capasso presenta il nuovo singolo: “Cosa è Napoli? Il Sole negli occhi della gente”

Quali sono i tuoi futuri progetti? Puoi anticiparci qualcosa?

I miei futuri progetti sono legati soprattutto a Bom Bom: noi tre ci teniamo tanto a fare delle belle serate. Non vedo l’ora di suonare con la Little Tony Family.

Intervista a cura di Stefania Meneghella