Dr Myine, in uscita il nuovo brano Botto…X: “La nostra, un’iniezione di Botox”

Mahmood, manca poco al via del tour estivo
28 Giugno 2022
Marco Mengoni, subito nuove date per il tour
28 Giugno 2022

Dr Myine (nome d’arte di Carmine Esposito) torna sulla scena musicale con il brano Botto…X, un singolo che è anche un inno alla spensieratezza e ai colori dell’estate. Il tutto nasce dal desiderio di raccontare la libertà, e l’importanza di vivere senza etichette e senza discriminazione di ogni genere.


Com’è nato il tuo primo approccio alla musica? Quando hai scoperto che sarebbe stata la tua strada?

Questa passione è nata quando avevo 7 anni ed ero a Napoli (ora vivo tra la Liguria e la Lombardia). Avevo una band: eravamo 6/7 amici e ci riunivamo in questo scantinato. Suonavamo con pezzi di legno.

Come nasce invece il tuo nome d’arte?

Il mio vero nome è Carmine Esposito: ho così pensato di utilizzare la parte finale del mio nome, aggiungendo però la y.

Parliamo del tuo nuovo singolo Botto…X: dove nasce l’idea per questo brano?

Pensavamo di voler fare il botto, mentre la x va a richiamare il botox: si tratta di una molecola botulinica e può essere letta in due versioni. Può infatti essere vista in primis come un’iniezione di vitamine, ossia un inno alla spensieratezza e gioia/colori. Ho poi voluto rappresentare il guardarsi allo specchio e il pensare di piacersi; a volte può accadere che qualcun altro dica invece un commento negativo sul nostro aspetto. Insomma, ognuno deve avere la libertà che vuole e non deve tener conto dei commenti altrui.

La canzone parla di libertà e di una vita senza etichette. Secondo te, qual è il segreto per diventare finalmente liberi e per liberarsi dai pregiudizi?

La cosa necessaria è quello di non interessarsi degli altri, prendere spunto da chi è meglio di te non da chi è peggio. E’ importante raccogliere critiche costruttive, ma non interessarsi di quello che può dire la gente. Tutti pensano di avere tempo, ma in realtà il tempo non c’è: e quel tempo che abbiamo non può essere sprecato per pensare a quello che dicono gli altri. Ognuno di noi è qualcosa di unico e speciale: tutti siamo belli, e questo è un messaggio che deve arrivare a tutti.

Il tuo è uno stile musicale molto originale, ma chi sono stati i tuoi maestri musicali?

L’Italia è sicuramente la patria della musica, e mi sono ispirato a moltissimi artisti italiani come De André, Vasco Rossi, Vecchioni, Lucio Dalla, Cremonini, Luca Carboni, Lucio Battisti.

LEGGI ANCHE –> Mr Joy racconta il suo Vivere: “La mia linfa vitale? Parte tutto dai bambini”

Quali sono i tuoi futuri progetti? Puoi anticiparci qualcosa?

Continuerò a fare musica; al momento stiamo lavorando su altri tre pezzi che si allontanano dalla scrittura leggera ma anche sono comunque accompagnati da un ritmo incalzante.

Intervista a cura di Stefania Meneghella