‘Sul sentiero blu’: giovani autistici in viaggio verso Roma | Il 28 febbraio 2022 al cinema

Licia Fertz: “Ogni età ha la sua bellezza” | Lei, l’influencer più anziana del web
26 Gennaio 2022
Stefania P. Nosnan presenta ‘C’erano tre rose rosse’: “L’amore? E’ il sentimento primeggiante”
27 Gennaio 2022

Nelle sale cinematografiche, sta per arrivare un nuovissimo progetto che prenderà sicuramente a cuore moltissime persone. Si tratta del documentario ‘Sul sentiero blu‘, il quale racconta il viaggio di un gruppo di giovani autistici sull’antica via Francigena.

La pellicola verrà trasmessa sul grande schermo il 28 febbraio 2022 e con Wanted Cinema, in collaborazione con CAI (Club Alpino Italiano). Diretto da Gabriele Vacis e prodotto da Michele Fornasero per Indyca, ‘Sul sentiero blu‘ affronterà la delicata tematica dell’autismo, riprendendone tutti i suoi aspetti sociali e relazionali. I protagonisti del documentario ripercorreranno dunque oltre 200 km a piedi in ben 9 giorni, e saranno accompagnati da medici ed educatori.

Si tratta di un vero esperimento sociale, finalizzato a migliorare le relazioni delle persone autistiche. Nel corso di tutto il percorso, i partecipanti sono infatti chiamati ad adattarsi all’ambiente e a trovare un modo per convivere, acquisendo così una loro indipendenza. Alla fine del viaggio, arriveranno a Roma e incontreranno varie autorità tra cui anche Papa Francesco.

La finalità di questo progetto è appunto quella di riprendere l’intensità di questa esperienza, l’evolversi di nuove amicizie e l’instaurazione di relazioni significative. Il tutto sarà non solo un viaggio nelle loro storie, ma anche verso l’abbattimento di pregiudizi che circondano spesso la nostra società.

Leggi anche —-> Christian Olcese sul Cyberbullismo: “La comunicazione è necessaria per sconfiggerlo” | E’ online il suo cortometraggio

Il documentario è prodotto da Indyca e sostenuto da MIC e Piemonte Doc Film Fund. E’ volto inoltre a raccontare il progetto ‘Contatto‘, un’iniziativa pubblicata dal Rotary International Distretto 2021 e nata grazie allo speciale contributo scientifico del Dottor Roberto Keller (Direttore del Centro Regionale per i Disturbi dello spettro dell’Autismo in età adulta della ASL di Torino).