NASA LRO: anomalia magnetica su un vortice lunare

Hubble cattura segnali radio emessi da cinque galassie
3 Luglio 2022
Ermal Meta: tutte le date del tour in partenza mercoledì
4 Luglio 2022

Vortice lunare "Reiner Gamma", fotografato dalla sonda NASA's Lunar Reconnaissance Orbiter. Credits: NASA/Goddard Space Flight Center/Arizona State University

La sonda della NASALunar Reconnaissance Orbiter (LRO)”, lanciata nel giugno 2009 per studiare la Luna da 50-200 chilometri di altitudine, ha fotografato un vortice lunare enigmatico (Lunar swirls). Quest’ultimo, chiamato “Reiner Gamma“, è situato nell’Oceanus Procellarum e ha una lunghezza di circa 64,5 chilometri.

I vortici lunari somigliano a delle nuvole sinuose collocate sulla superficie della Luna. La maggior parte di essi condivide la posizione con potenti campi magnetici anomali, i quali deflettono le particelle provenienti dal vento solare, deformando lentamente alcune parti della superficie lunare.

Vortice lunare “Reiner Gamma”, fotografato dalla sonda NASA’s Lunar Reconnaissance Orbiter.
Credits: NASA/Goddard Space Flight Center/Arizona State University

I ricercatori hanno scoperto che ogni vortice è situato sopra un oggetto magnetico, sepolto non troppo in profondità rispetto alla superficie della Luna. Pertanto, il suddetto oggetto potrebbe trovarsi in un tunnel creato in passato dalla lava.

COME FANNO I TUNNEL DI LAVA AD ESSERE COSI’ FORTEMENTE MAGNETICI?

La risposta possiamo trovarla nelle antiche eruzioni di lava, avvenute circa 3 miliardi di anni fa. Infatti, i ricercatori hanno scoperto che molte rocce lunari diventano altamente magnetiche, dopo essere state riscaldate oltre i 600 gradi Celsius in un ambiente privo di ossigeno.

In tale contesto alcuni minerali presenti si rompono, rilasciando ferro metallico. Se vi è un campo magnetico abbastanza forte nelle vicinanze, il ferro appena formato si magnetizzerà lungo la direzione di quel campo.

LEGGI ANCHE –> Hubble cattura segnali radio emessi da cinque galassie

Vortice lunare “Reiner Gamma”, fotografato dalla sonda NASA’s Lunar Reconnaissance Orbiter.
Credits: NASA’s Goddard Space Flight Center/David Ladd
Vortice lunare “Reiner Gamma”, fotografato dalla sonda NASA’s Lunar Reconnaissance Orbiter.
Credits: NASA/Goddard Space Flight Center/Arizona State University

LEGGI ANCHE –> Psyche: rinviata la missione che visiterà un nucleo metallico

Questo normalmente non accade sulla Terra, poiché vi è ossigeno libero che si può legare con il ferro, e non accadrebbe sulla Luna di oggi, dove non esiste un campo magnetico globale.

Secondo un precedente studio, l’antico campo magnetico della Luna è durato da 1 a 2,5 miliardi di anni più a lungo di quanto si pensasse in precedenza (un periodo compatibile con quello della formazione dei tunnel di lava dei vortici lunari).

Per approfondire l’argomento nel dettaglio è possibile consultare il sito internet dell’AGU Advancing Earth and Space Science (Clicca QUI).

Articolo a cura di Fabio Meneghella