Hubble cattura una maestosa collisione tra due galassie

Marco Mengoni, continuano gli eventi live: grande successo per lui
25 Luglio 2022
Il Regno animale debutta con il suo primo singolo
26 Luglio 2022

Credits: NASA, ESA, the Hubble Heritage Team (STScI/AURA)-ESA/Hubble Collaboration and A. Evans (University of Virginia, Charlottesville/NRAO/Stony Brook University), K. Noll (STScI), and J. Westphal (Caltech)

Il telescopio spaziale Hubble, in orbita terrestre dal 1990, ha catturato una maestosa collisione tra due galassie a circa 500 milioni di anni luce dalla Terra (1 anno luce corrisponde a 9.461 miliardi di chilometri).

Questo evento astronomico, chiamato “Arp 148“, rappresenta la conseguenza di un incontro tra due galassie, che ha portato alla formazione di una galassia a forma di anello e una compagna dotata di una lunga coda.

LEGGI ANCHE –> James Webb: svelate le foto segrete di Giove

Immagine scattata dal telescopio spaziale Hubble il 24 aprile 2008. L’immagine rappresenta Arp 148, una collisione tra due galassie nella costellazione dell’Orsa Maggiore.
Credits: NASA, ESA, the Hubble Heritage Team (STScI/AURA)-ESA/Hubble Collaboration and A. Evans (University of Virginia, Charlottesville/NRAO/Stony Brook University), K. Noll (STScI), and J. Westphal (Caltech)

LEGGI ANCHE –> Marte: raccolto il primo campione dal delta del fiume

La suddetta collisione ha generato un’onda d’urto, la quale ha inizialmente attirato materia verso il centro. Questa ha poi provocato la sua diffusione verso l’esterno, formando così un anello.

Arp 148 è situata nella costellazione dell’Orsa Maggiore.

LA SCOPERTA DEL TELESCOPIO SPITZER

Combinazione di immagini tra il telescopio spaziale Hubble e il telescopio spaziale Spitzer.
Credits: NASA/JPL-Caltech/STScI

Questa immagine mostra la galassia Arp 148, catturata dai telescopi Spitzer e Hubble della NASA. All’interno del cerchio bianco ci sono dati Spitzer appositamente elaborati, che rivelano la luce infrarossa di una supernova nascosta dalla polvere.

Le supernove sono stelle enormi che esplodono dopo aver esaurito il carburante. Esse si irradiano più intensamente nella luce visibile, ma in questo caso le lunghezze d’onda sono oscurate dalla polvere. La luce infrarossa, tuttavia, può passare attraverso la polvere.

Articolo a cura di Fabio Meneghella