Cristiana Ciacci: “Mio papà Little Tony mi ha donato l’umiltà” | L’artista presenta il nuovo singolo Bom Bom

Hubble cattura una misteriosa galassia distorta
23 Giugno 2022
Taylor Swift, da oggi disponibile il nuovo singolo “Carolina”
24 Giugno 2022

Ph. Pino Polesi

Cristiana Ciacci – figlia del mitico Little Tony – e la Little Tony Family hanno pubblicato il nuovo singolo Bom Bom, scritto e composto da Davide De Marinis e Angelo Petruccetti. Il brano è un invito all’allegria, alla danza, alla spensieratezza: l’artista – che ha ereditato dal papà la grande passione per la musica – ha accettato di incontrarci e ci ha parlato dei suoi ricordi legati a lui e di tutti i suoi progetti tra presente e futuro.


Sei sicuramente cresciuta immersa nella musica, ma quando è nata questa fiammella? Come hai compreso che sarebbe stata la tua strada?

Sono nata nella musica e cresciuta su un palcoscenico, era inevitabile. Mi sento a casa, è una passione e un fuoco che ho sentito da subito. Stavo bene solo sul palco, mi si placavano tutti i miei tumulti interiori. Ho cercato così di imparare da papà sia la teoria sia il modo di comportarmi: lui era sempre professionale e umile. Faceva tutto con un grande impegno e un grande studio. Speravo tanto di poter fare questo lavoro.

Ph. Pino Polesi

Tu e la Little Tony Family fate sicuramente un lavoro straordinario, proprio come faceva il tuo papà. Qual è l’insegnamento più grande che ti ha lasciato?

Soprattutto l’umiltà. Ma anche amore e rispetto per il pubblico: lui mi diceva sempre che grazie al pubblico abbiamo la fortuna di fare questo lavoro. Mi ha insegnato inoltre la professionalità: nulla va lasciato al caso, tutto va studiato approfonditamente. Papà continuava a studiare, a curare ogni piccolo dettaglio: le canzoni, gli arrangiamenti, i balletti, le coreografie, studiava tutto sempre. Cercava di non ripetersi, di non essere mai banale, di fare accoppiamenti, di tagliare canzoni diverse, di avere look diversi. Lui diceva: “L’umiltà sta al talento come le ombre ad un quadro”. Umanamente, mi ha invece insegnato a non sprecare nemmeno un minuto. “Vedi come passa in fretta la vita?“, mi disse prima di morire.

Parliamo del nuovo singolo Bom Bom, scritto e composto da Davide De Marinis e Angelo Petruccetti. Com’è stato collaborare con loro e cosa ti hanno insegnato professionalmente parlando?

Io e Angelo siamo cresciuti insieme, sia umanamente che professionalmente. Davide l’ho conosciuto due anni fa all’inizio del primo lockdown, inizialmente in modo virtuale. Ci siamo trovati subito bene: loro sono persone molte semplici e tranquille. Gli piace divertirsi, e io apprezzo molto il talento di Davide: scrive canzoni sempre estremamente semplici ma molto divertenti e piene di ritmo. Le sue canzoni riprendono lo stile rock anni 50/60; sono canzoni tipiche che piacevano a papà e che fanno parte della sua storia. Bom bom significa Bene: quindi, “shackerare il Bene“. Dopo 2 anni e mezzo di covid e di guerra, la musica può dare ossigeno quando è fatta di allegria e spensieratezza. Vorrei che questo brano sia un momento di pace e di distacco da tutte le emozioni negative.

Ph. Pino Polesi

Il tuo papà è stato molto amato da tutti: secondo te, qual è stato il segreto del suo successo?

La grande professionalità: ha dimostrato di non essere un artista improvvisato. Ma anche uno studio molto attento, una grande passione, un pizzico di fortuna e il suo essere vero. E’ stato molto amato soprattutto per la sua autenticità: lui dentro era esattamente come appariva sul palco. Si è ispirato a Elvis, ma questo modo di essere è diventato suo: era buono, generoso, sincero, onesto. Nel mondo musicale, non ci sono molto artisti con queste caratteristiche.

LEGGI ANCHE –> Anna Capasso presenta il nuovo singolo: “Cosa è Napoli? Il Sole negli occhi della gente”

Quali sono i tuoi futuri progetti? Puoi anticiparci qualcosa?

Sto provando a realizzare un film su papà, e ci sarà anche uno spettacolo teatrale con 2 tappe a Guidonia. Ci saranno altre canzoni e vari progetti in cantiere. Il prossimo anno, saranno 10 anni dalla scomparsa di papà e troveremo un modo per onorarlo.

Intervista a cura di Stefania Meneghella