ALMA cattura un’inaspettata struttura a spirale

Intervista a Elisa Di Francisca: “All’interno della maschera sei tu con le tue paure, le tue emozioni”. Dagli ori olimpici alla biografia “Giù la maschera”.
3 Agosto 2022
Robbie Williams, in uscita il nuovo singolo Lost
5 Agosto 2022

Immagine ottenuta dal telescopio ALMA dell'ESO. Credits: ALMA (ESO/NAOJ/NRAO)/M. Maercker et al.

Il radiointerferometro ALMA (Atacama Large Millimeter Array), nonché uno dei telescopi dell’ESO (European Southern Observatory), ha catturato una sorprendente struttura a spirale attorno alla stella gigante rossa R Sculptoris, nella costellazione dello Scultore.

Questa caratteristica non è mai stata vista prima ed è probabilmente causata da una stella compagna nascosta in orbita attorno a R Sculptoris. I nuovi dati ALMA ci dicono che la stella è circondata da un enorme guscio sferico.

Le osservazioni effettuate con l’Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA) hanno rivelato un’inaspettata struttura a spirale nel materiale attorno alla vecchia stella R Sculptoris. Questa spirale è probabilmente causata da una stella compagna nascosta in orbita attorno alla stella. Questo nuovo video di ALMA mostra una serie di sezioni dei dati, ciascuna presa a una frequenza leggermente diversa. Questi rivelano il guscio attorno alla stella, che appare come un anello circolare, che sembra diventare più grande e poi più piccolo, così come una chiara struttura a spirale nel materiale interno che si vede meglio a metà della sequenza video.
Credits: ALMA (ESO/NAOJ/NRAO), L. Calçada

LEGGI ANCHE –> La nuova immagine del James Webb

Questa è la prima volta che una struttura di questo tipo, con un guscio sferico esterno, viene trovata intorno a una gigante rossa. È anche la prima volta che gli astronomi hanno potuto ottenere misure complete in tre dimensioni di questa spirale. La strana forma è stata creata probabilmente da una compagna non visibile, in orbita intorno alla gigante rossa.

Nell’ultima fase della loro vita, le stelle di massa fino a otto volte quella del Sole diventano giganti rosse e perdono grandi quantità di massa in un denso vento stellare. Durante la fase di gigante rossa le stelle mostrano periodicamente pulsazioni termiche (brevi fasi in cui uno strato di elio intorno al nucleo della stella brucia in modo esplosivo).

Gli impulsi termici si verificano ogni 10.000 – 50.000 anni e durano solo poche centinaia d’anni. Le nuove osservazioni di R Sculptoris mostrano che l’ultimo impulso termico è avvenuto circa 1.800 anni fa ed è durato circa 200 anni. La stella compagna ha modellato la struttura a spirale nel vento di R Sculptoris.

Per approfondire la notizia è possibile consultare l’articolo scientifico pubblicato su Nature (Clicca QUI).

Osservazioni effettuate con ALMA (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array) hanno rivelato una struttura a spirale inaspettata nel materiale che circonda la vecchia stella R Sculptoris.
Credits: ALMA (ESO/NAOJ/NRAO)/M. Maercker et al.

LEGGI ANCHE –> La DARPA testa un’arma ipersonica a respirazione d’aria

QUANTI TELESCOPI POSSIEDE L’ESO?

L’ESO è un’organizzazione intergovernativa fondata nel 1962 e supportata da 16 Stati membri: Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito.

Inoltre, dispone di nove telescopi giganteschi situati nel deserto di Atacama in Cile, un posto unico al mondo e perfetto per osservare l’Universo. Attualmente è in fase di costruzione il prossimo telescopio più grande del mondo: l’ “European-Extremely Large Telescope (E-ELT)”, il quale avrà uno specchio primario di ben 39 metri di diametro. E-ELT, che sarà pronto tra il 2025 e il 2027, potrà guardare fino a 380.000 anni dopo il Big Bang.

Articolo a cura di Fabio Meneghella