Stefan De Walle parla del suo ruolo in ‘Anna Frank, la mia migliore amica’ | “Otto Frank mi ha insegnato l’empatia”

Stefan De Walle talks about his role in ‘Anne Frank, my best friend’ | “Otto Frank taught me empathy”
25 Febbraio 2022
Anna Rita Vitolo parla de L’Amica Geniale: “Il ruolo di Imma? Mi ha lasciato un grande debito”
25 Febbraio 2022

Credit: Netflix


Abbiamo visto e apprezzato Stefan De Walle nel ruolo di Otto Frank, nella serie tv Netflix ‘Anna Frank, la mia migliore amica‘. Un personaggio difficile, quello di Otto, ma che ha saputo donare al pubblico il giusto equilibrio tra dolore e speranza. Stefan ce ne ha parlato con gli occhi colmi di luce, e ha raccontato di aver visto in lui una forza incredibile e il coraggio di chi sapeva che sarebbe andato tutto male ma, nonostante questo, continuava a lottare.

L’attore ha all’attivo numerose esperienze cinematografiche, teatrali e televisive: ci ha così parlato del suo percorso artistico e dei suoi sogni che continuano a rinnovarsi giorno dopo giorno.


La recitazione ora fa parte di te, ma quando hai capito che sarebbe stata la tua strada?

Quando ero bambino. Da quello che ricordo, volevo fare l’intrattenitore. Durante la mia infanzia, non sapevo cosa significasse. Nella mia famiglia, quando avevo dei problemi con i miei genitori o con altri, facevo battute e facevo una specie di regola: recitavo dei ruoli. Quindi, non erano arrabbiati con me. Penso che sia iniziato lì. I miei genitori sono molto gentili ma, quando ero nei guai o qualcosa del genere, ho interpretato quel ruolo. Iniziavano a ridere, e andava tutto bene.

Qui in Italia, ti ringraziamo per il ruolo di Otto Frank nella serie tv Netflix dedicata ad Anna Frank. Cosa ti ha lasciato interpretare questo ruolo? Cosa ti ha insegnato il personaggio di Otto?

Era molto gentile. Vedeva arrivare i problemi ma, nonostante tutto, guardava sempre al futuro per la sua famiglia e per i dipendenti con cui lavorava. La cosa migliore che mi piace di lui è il suo umorismo e la sua gentilezza. Ha sempre mostrato di essere un credente. Era inoltre molto empatico e amava le persone della sua famiglia, come Margot e Anne. Sapeva di non essere al sicuro, ma non era arrabbiato. Mi è piaciuto molto il suo personaggio e mi sono anche divertito nell’interpretarlo.

Credit: Netflix

Immagino che il suo personaggio fosse difficile da interpretare. Quali sono state le maggiori difficoltà che hai incontrato sul set?

Abbiamo girato durante la prima ondata del Coronavirus, quindi c’erano molte restrizioni. Abbiamo girato molte scene nella casa di Anna Frank: è stato difficile a causa delle restrizioni sul set. Poi loro avevano un accento tedesco e una parte difficile è stata anche parlare con il tedesco autentico. Otto voleva fare bene a tutte le famiglie e a tutte le persone che lo circondavano. Mi è piaciuto molto.

Come è stato identificarsi con persone vissute in un periodo, che è stato sicuramente tra i più difficili dell’umanità?

La storia parla di queste due ragazze che sono nella pubertà e vivono in un mondo pericoloso. Vogliono divertirsi, amano i ragazzi, ridono tra loro e giocano. Quindi, ho visto le scene con le ragazze che giocano e si divertono. Mi sono reso conto che ci sono così tante persone e bambini in quella situazione. Per me è stato più difficile leggerlo. Ci sono così tanti bambini nel nostro mondo, che stanno crescendo in Siria o in Ucraina. Quelle persone hanno avuto una vita normale e vogliono essere gioiose e gentili e vivere in un mondo libero. È impossibile. Vogliono giocare, vogliono avere giocattoli, vogliono vivere avventure. È molto difficile per loro e quindi è stato difficile per me realizzarlo.

Credit: Amrita Panday

Lavori per il cinema, la televisione e il teatro: c’è un ambito, tra questi, che preferisci di più?

Ora non sto recitando a teatro perché non è più possibile. Tutti i teatri qui in Olanda sono chiusi, a causa della pandemia. Ho avuto una Premier sabato. È stato molto bello, e sono gioioso e felice di incontrare di nuovo le persone. Mi piace la combinazione ed è un privilegio poter fare tutte queste cose in Olanda: cinema, televisione e teatro. È un privilegio poterlo fare e gestirlo. Tornerò a teatro sicuramente in estate. Realizzerò infatti un grande evento. Quindi, posso fare diverse cose e mi piace molto.

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Fino a giugno interpreterò il ruolo principale nella commedia teatrale GIF (Poison) di Lot Vrekemans. Il suo spettacolo è un successo internazionale. Dopo di che sto facendo un nuovo spettacolo teatrale, anche protagonista di uno spettacolo che si svolgerà in una fattoria. È un teatro musicale nell’est dei Paesi Bassi, diretto da Liesbeth Coltof. E sono protagonista di una nuova serie TV, una commedia su un uomo più anziano che va in pensione, ma non vuole interrompere il suo lavoro. Deve quindi cercare nuovi significati nella vita.

Intervista a cura di Stefania Meneghella