Solar Orbiter individua un “riccio spaziale” sul Sole

[EXCLUSIVE INTERVIEW] Ronn Moss presents the movie Viaggio a Sorpresa: “Me and Lino Banfi? I’m so happy we are friends”
13 Giugno 2022
Gianmaria, grande successo per il tour: la nuova data
13 Giugno 2022

Il "riccio" solare fotografato dalla sonda Solar Orbiter. Credits: ESA & NASA/Solar Orbiter/EUI Team

La sonda ESA/NASASolar Orbiter”, durante il suo passaggio ravvicinato alla nostra Stella avvenuto il 26 marzo 2022, ha scattato alcune immagini mozzafiato delle regioni polari e della corona solare, oltre ad uno spettacolare brillamento e uno strano “riccio” solare (hedgehog). Il dettaglio delle immagini e la nitidezza sono senza precedenti, soprattutto per la qualità degli strumenti e per la “minima” distanza dal Sole: la sonda si trovava a soli 48,3 milioni di chilometri dalla nostra Stella, e il suo innovativo scudo termico ha raggiunto i 500 gradi Celsius di temperatura (la distanza Terra – Sole è di 150 milioni di chilometri).

Il 13 ottobre 2022 la sonda “Solar Orbiter“, che è il primo veicolo spaziale con una telecamera a bordo ad avvicinarsi così vicino ad una Stella, arriverà fino a 42 milioni di chilometri dal Sole (solo la sonda “Parker” della NASA, attualmente in attività, si è avvicinata a soli 8,5 milioni di chilometri dal Sole. La “Parker” non ha una telecamera, poiché verrebbe bruciata dall’enorme calore).

In questo video possiamo vedere, per la prima volta, il Polo Sud solare.
Credits: ESA & NASA/Solar Orbiter/EUI Team

LEGGI ANCHE –> La sonda “Parker Solar Probe” della NASA raggiunge i 586.860 km/h

Il 24 dicembre 2026, durante il suo quinto sorvolo di Venere, Solar Orbiter porterà l’inclinazione della propria orbita a 24 gradi, dando inizio alla missione “high-latitude“, la quale riuscirà ad osservare le regioni polari con un dettaglio senza precedenti. In questo modo si spera di risolvere il mistero del ciclo solare, il quale ogni 11 anni porta la nostra Stella ad attività crescenti e calanti.

Gli scienziati, durante i passaggi ravvicinati della sonda dell’ESA e della NASA, hanno scoperto i brillamenti solari in miniatura, chiamati “campfires”, i quali potrebbero spiegare il più grande mistero del Sole: perché la superficie solare raggiunge una temperatura di “soli” 5.000 gradi Celsius, mentre l’atmosfera solare (la Corona), raggiunge 1 milione di gradi Celsius?

RICCIO SOLARE

La sonda Solar Orbiter ha individuato una caratteristica soprannominata “riccio solare” (solar hedgehog), nonché un geyser di gas caldi e freddi, che si estende per oltre 25.000 chilometri in tutte le direzioni (la nostra Terra ha un diametro di 12.742 chilometri; il “riccio solare” è largo ben 25.000 chilometri). L’atmosfera del Sole ha generato questo curioso fenomeno, ma ad oggi ignoriamo le cause.

Riccio solare ripreso dalla sonda Solar Orbiter. I gas mostrati in questo video raggiungono 1 milione di gradi Celsius.
Credits:ESA & NASA/Solar Orbiter/EUI Team

LEGGI ANCHE –> Hubble: la prima prova diretta di un buco nero errante

SOLAR ORBITER

La sonda “Solar Orbiter” dell’ESA e della NASA, costruita da “Airbus Defence and Space” e da “Thales Alenia Space“, è stata lanciata il 10 febbraio 2020. Il suo obiettivo principale è studiare il plasma, il campo magnetico, le onde e le particelle energetiche del vento solare. E non solo: grazie alla sua orbita inclinata, rispetto all’equatore, è in grado di osservare anche le regioni polari del Sole.

Per approfondire l’argomento nel dettaglio è possibile consultare il sito internet dell’ESA, Agenzia Spaziale Europea (Clicca QUI).

Articolo a cura di Fabio Meneghella