NASA, annunciati i primi obiettivi del James Webb | Come vedere la diretta del 12 luglio

Fabrizio Moro, da lunedì 11 luglio il via al tour
8 Luglio 2022
Gli Still Noise presentano il nuovo EP: “Così abbiamo unito immagini e suoni” | La band si racconta
9 Luglio 2022

Credits: NASA/Chris Gunn (foto a sinistra); NASA, CSA, and FGS team (foto a destra)

Il telescopio spaziale James Webb, realizzato grazie alla partnership tra NASA, ESA (Agenzia Spaziale Europea) e CSA (Agenzia Spaziale Canadese), rilascerà le sue prime suggestive immagini a colori, con i rispettivi dati spettroscopici, il 12 luglio 2022 alle ore 10:30 EDT (le 16:30 in Italia). Sarà possibile guardare la diretta su NASA TV (Clicca QUI).

La NASA e l’ESA hanno annunciato l’elenco degli oggetti cosmici, che il James Webb ha mirato per ottenere le sue prime immagini a colori. Ogni immagine sarà simultaneamente resa disponibile sui social media e sui siti web della NASA e dell’ESA.

Questi obiettivi elencati di seguito rappresentano la prima ondata di immagini a colori del più grande telescopio spaziale della storia:

  • Nebulosa della Carena: essa è una delle nebulose più grandi e luminose del cielo, situata a circa 7.600 anni luce di distanza dalla Terra, nella costellazione meridionale della Carena. Le nebulose sono vivai stellari dove si formano le stelle.
  • WASP-96 b (spectrum): questo oggetto cosmico è un pianeta gigante al di fuori del nostro sistema solare, composto principalmente da gas. Il pianeta, situato a quasi 1.150 anni luce dalla Terra, orbita attorno alla sua stella ogni 3,4 giorni. Ha circa la metà della massa di Giove e la sua scoperta è stata annunciata nel 2014.
  • Nebulosa Anello del sud (NGC 3132): essa è una nebulosa planetaria, nonché una nuvola di gas in espansione, che circonda una stella morente. Ha un diametro di quasi mezzo anno luce e si trova a circa 2.000 anni luce dalla Terra.
  • Quintetto di Stephan: situato a circa 290 milioni di anni luce di distanza, nella costellazione del Pegaso. È noto per essere il primo gruppo di galassie scoperto nella storia. Fu scoperto dall’astronomo francese Édouard Stephan nel 1877.
  • SMACS 0723: massicci ammassi di galassie in primo piano che fungono da lente d’ingrandimento naturale (lente gravitazionale) prodotta da un cluster di galassie, che permette di osservare galassie lontanissime nel tempo e nello spazio.

Il rilascio di queste prime immagini segna l’inizio ufficiale delle operazioni scientifiche di Webb. Per scoprire dove si trova in questo momento il telescopio spaziale James Webb, compresi la sua temperatura e l’inclinazione, è possibile visitare il sito web del telescopio (Clicca Qui).

LEGGI ANCHE –> INTERVISTA ESCLUSIVA: Gli esperti del Telescopio James Webb rispondono alle nostre domande

Il telescopio James Webb nel punto di Lagrange L2, a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra.
Credit: NASA’s Goddard Space Flight Center

LEGGI ANCHE –> La NASA pubblica il video del volo dei record su Marte

“I nostri obiettivi per le prime immagini e dati di Webb sono sia quello di mostrare i potenti strumenti del telescopio, sia di visualizzare in anteprima la missione scientifica a venire. Siamo sicuri di offrire un tanto atteso ‘wow’ per gli astronomi e il pubblico”.
Klaus Pontoppidan, scienziato del progetto Webb presso STScI

PERCHE’ WEBB E’ UN TELESCOPIO AGLI INFRAROSSI?

Webb è il primo telescopio capace di osservare le primissime galassie, e forse anche alcune delle prime Stelle nate dopo la creazione dell’Universo che conosciamo (dopo il Big Bang).

Per capire l’importanza e la necessità dell’osservazione agli infrarossi, dobbiamo ricordarci che la famosa “espansione dell’Universo”, cominciata dopo il Big Bang, non espande solo lo Spazio, allontanando fra loro Stelle e Galassie, ma espande, o meglio, “stira” anche la luce. Quest’ultima, col passare dei miliardi di anni di viaggio, inizia a subire gli effetti dell’espansione, e quindi viene talmente “stirata” e allungata, da non essere più visibile ai nostri occhi o dai telescopi ottici classici.

La luce visibile ai nostri occhi è formata da onde corte e strette. La luce agli infrarossi è invece formata da onde più lunghe; perciò, per osservare fino a 13,5 miliardi di anni luce, occorre un telescopio che capti queste onde allungate, cioè un telescopio agli infrarossi.

Queste onde hanno viaggiato per 13,5 miliardi di anni per arrivare fino a noi, e nel frattempo hanno subito gli effetti dell’espansione dell’Universo; questo vuol dire che sono partite come luce visibile, cioè con onde corte e strette, ma strada facendo si sono allungate, diventando luce infrarossa.

L’Universo conosciuto è nato 14 miliardi di anni fa, con il Big Bang. Con il telescopio Webb potremo quindi vedere la luce proveniente da 13,5 miliardi di anni fa, cioè poco dopo l’inizio di tutto. Con gli attuali telescopi ottici classici, invece, riusciamo a vedere la luce proveniente da 13,2 miliardi di anni fa; ciò vuol dire che con Webb ci spingeremo oltre, molto più vicino alla Genesi.

L’ottica del James Webb. Credit: NASA’s Goddard Spaceflight Center

COSA STUDIERA’ WEBB?

Il “James Webb Space Telescope”, oltre a studiare le prime galassie e le prime Stelle nate nell’Universo, poco dopo il Big Bang, studierà anche le atmosfere degli esopianeti (i pianeti che ruotano attorno alle altre Stelle), per captare le molecole e gli elementi presenti, e capire così se vi è la possibilità di vita su altri mondi, o se ci fosse un pianeta abitabile. Webb si concentrerà anche sugli asteroidicometepianeti del nostro sistema solare e sulla famosa “Fascia di Kuiper” (situata dopo il pianeta Nettuno, e costituita da migliaia di asteroidi). Qualora vi fosse la possibilità, potrebbe anche scovare qualche buco nero.

LEGGI ANCHE –> NASA: primo reattore nucleare sulla Luna entro il 2030

Il telescopio James Webb è stato realizzato grazie alla collaborazione della NASA, dell’ESA (Agenzia Spaziale Europea) e della CSA (Agenzia Spaziale Canadese). Esso è il telescopio spaziale più grande e più potente della storia, formato da 18 specchi esagonali, i quali, una volta aperti e allineati formano un unico grande specchio di 6,5 metri di diametro.

Una curiosità: i 18 specchi esagonali sono realizzati in berillio, con uno strato sottilissimo di oro (l’oro è ottimo per la riflessione della luce agli infrarossi). Ma quanto è sottile lo strato di oro? Appena 1.000 angstroms (100 nanometri); in altre parole, appena 700 atomi, cioè 1000 volte più sottile di un capello umano.

Articolo a cura di Fabio Meneghella