Hubble cattura una maestosa galassia a spirale barrata

DiFabio Meneghella

Ago 19, 2022

Il telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA, in orbita terrestre dal 1990, ha catturato una splendida galassia a spirale barrata, chiamata NGC 1015. Quest’ultima è situata nella costellazione della Balena a 118 milioni di anni luce dalla Terra (1 anno luce corrisponde a circa 9.460 miliardi di chilometri).

Per osservare e scaricare l’immagine di NGC 1015 in alta definizione, è possibile consultare il sito internet dell’ESA dedicato al telescopio Hubble (CLICCA Qui).

LEGGI ANCHE –> Hubble cattura la maestosa galassia Sombrero

Galassia NGC 1015, osservata dal telescopio spaziale Hubble.
Credits: ESA/Hubble & NASA, A. Riess (STScl/JHU)

LEGGI ANCHE –> NASA, il futuro esploratore marziano sarà senza ruote

In questa immagine vediamo NGC 1015 con le sue braccia vorticose, meravigliosamente simmetriche. Il luminoso rigonfiamento centrale rammenta lo scintillante fuoco d’artificio “Catherine Wheel Firework“. Questa sua stramba forma la porta ad essere classificata come una galassia a spirale barrata, proprio come la nostra Via Lattea.

Nel 2009 è stata avvistata una supernova di tipo Ia, chiamata SN 2009ig, all’interno della galassia NGC 1015. Le supernove di tipo Ia nascono dall’esplosione di nane bianche.

30 anni di scienza con il telescopio spaziale Hubble.
Credits: Directed by: Bethany Downer. Visual design and editing: Martin Kornmesser. Written by: Bethany Downer. Narration: Sara Mendes da Costa. Images & Videos: NASA, ESA, M.Kornmesser, L. Calçada, ESO, G. Bacon (STScI), theHubble Heritage Team (STScI/AURA)-ESA/Hubble Collaboration, and H. Bond (STScI and Pennsylvania State University), A. Feild (STScI), and A. Riess (STScI/JHU), D. Jewitt (UCLA), F. Summers, Z. Levay, J. DePasquale, L. Hustak, L. Frattare, M. Robberto (STScI), R. Hurt (Caltech/IPAC) Acknowledgement: R. Gendler, spaceengine.org. Music: Johan B. Monell (www.johanmonell.com). Web and technical support: Raquel Yumi Shida. Executive producer: Mariya Lyubenova
  • Cover image credits: ESA/Hubble & NASA, A. Riess (STScl/JHU)

Articolo a cura di Fabio Meneghella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *