NASA INGENUITY: Posticipato il 19esimo volo dell’elicottero su Marte

Sanremo 2022, Donatella Rettore lancia un appello ai giovani: “Con il nostro pezzo vi ridaremo la libertà”
20 Gennaio 2022
Sanremo 2022, Amadeus ha annunciato le cover del Festival
20 Gennaio 2022

Il volo 19, del NASA’s Ingenuity Mars Helicopter, dovrebbe avvenire non prima del 23 gennaio 2022.

I meteorologi del pianeta Marte, proprio come accade sulla Terra, hanno dovuto posticipare il volo 19 dell’elicottero Ingenuity, a causa di una diminuzione del 7% della densità dell’aria e dell’arrivo di una tempesta di polvere. Questa ha ridotto del 18% la carica della batteria di Ingenuity, non potendo ricevere una buona energia solare.

Il pianeta Marte, pur avendo un’atmosfera molto meno densa rispetto al nostro pianeta, possiede alcune somiglianze con la Terra: le stagioni, i venti mutevoli, le nuvole di ghiaccio e le tempeste di polvere.

Attualmente, nel cratere Jezero, in cui si trovano il rover Perseverance e l’elicottero Ingenuity, ci si sta avvicinando alla fine dell’estate e all’inizio dell’autunno (l’autunno comincia il 24 febbraio).

Il cambio di stagione porta nuove sfide, inclusa la diminuzione della densità dell’aria, la quale influisce sul modo in cui si vola su Marte; perciò gli ingegneri dovranno adattare Ingenuity al nuovo ambiente.

COME FANNO I METEOROLOGI A CAPIRE IL METEO DI MARTE?

Il rover Perseverance ha uno strumento meteorologico a bordo: il “Mars Environmental Dynamics Analyzer (MEDA)”. MEDA è una vera stazione meteorologica, in grado di calcolare la densità dell’aria e la velocità dei venti. Poi ci sono anche gli strumenti meteorologici installati nelle sonde che orbitano attorno a Marte, le quali cercano di capire cosa succede nelle vicinanze del cratere Jezero.

Con l’avvicinarsi dell’autunno, gli esperti prevedono un aumento delle tempeste di polvere, le quali potrebbero mettere in difficoltà l’elicottero Ingenuity, non permettendogli di assorbire i raggi solari attraverso il suo pannello solare. Il rover Perseverance non avrà problemi a procurarsi energia durante le tempeste di polvere, poiché non utilizza pannelli solari, ma un generatore termoelettrico a radioisotopi (MMRTG).

Articolo a cura di Fabio Meneghella