Marte: Perseverance scopre un oggetto inaspettato

Jimmy Sax torna in Italia con il Jimmy Summer tour
16 Giugno 2022
Numa presenta il singolo Tan Fuerte: “Amare e vivere più forte” | La cantante si racconta
16 Giugno 2022

Foto scattate dal rover Perseverance su Marte, nel mese di giugno 2022. Credits: NASA/JPL-Caltech/ASU

Il rover Perseverance della NASA, atterrato su Marte il 18 febbraio 2021, è arrivato nell’antico delta del fiume marziano, dal quale 2,5-3 miliardi di anni fa sfociava dolcemente l’acqua, giungendo nel lago del cratere Jezero.

L’obiettivo primario del rover è prelevare dei campioni dalle rocce marziane situate nel delta dell’antico fiume, e conservarle in speciali contenitori. Questi ultimi saranno prelevati e spediti verso la Terra entro il 2033, attraverso una seconda missione interplanetaria della NASA e dell’ESA, chiamata “Mars Sample Return”.

Il 13 giugno 2022 (Sol 467 su Marte), il rover Perseverance ha fotografato uno strano oggetto argentato e lucido, incastonato in una roccia. Come è arrivato lì? E’ stato portato dal vento? Il sito si trova a 2 chilometri di distanza dal luogo dell’atterraggio del rover.

Gli esperti dicono che si tratta di una pellicola staccatasi da una coperta termica, utilizzata sul “Descent Stage” (jetpack), nonché la famosa “gru del cielo“, la quale ha calato il rover sulla superficie marziana attraverso dei cavi.

LEGGI ANCHE –> La NASA atterrerà su Venere nel 2031 con DAVINCI

Animazione del trailer sulle fasi dell’atterraggio su Marte del rover Perseverance (possiamo notare anche la “gru del cielo”, che cala il rover con dei cavi).
Credits: NASA/JPL-Caltech

LEGGI ANCHE –> Marte silenzioso: il suono viaggia più lentamente

Oggetto argentato e lucido scoperto dal rover Perseverance su Marte, il 13 giugno 2022 (Sol 467).
Credits: NASA/JPL-Caltech/ASU

LEGGI ANCHE –> Hubble: la prima prova diretta di un buco nero errante

Un’altra foto inusuale scattata dal rover Perseverance su Marte: una pietra sferica perfettamente in equilibrio su una roccia.
Credits: NASA/JPL-Caltech/ASU

LEGGI ANCHE –> INTERVISTA ESCLUSIVA: MOXIE, il Dr. Michael Hecht risponde alle nostre domande

Articolo a cura di Fabio Meneghella