I Whiteshark presentano il nuovo album: “Credere nei propri sogni è necessario”

DiStefania Meneghella

Giu 20, 2022

I Whiteshark – il duo urban della provincia milanese – tornano sulla scena musicale con l’album Brezis vol.1, un progetto discografico che contiene 10 tracce tra cui i singoli Stavolta No, Non Risponderò e Cachet (usciti nei mesi scorsi). I due ragazzi hanno anche iniziato ad esibirsi nelle scuole medie, in modo da sensibilizzare i giovani a credere nei loro sogni.


Ci siamo sentiti in occasione dell’uscita del vostro singolo Cachet: adesso avete pubblicato un album. Cosa è cambiato da allora?

Più che cambiato, il nostro percorso si è prolungato. Avevamo già le idee chiare sulle mosse che dovevamo fare. Dopo i tre estratti, avevamo deciso di far uscire questo album che si è costruito da solo. Ci siamo resi conto che era un prodotto lineare, e abbiamo così pensato di dedicare questo titolo ai nostri supporters per per dare valore proprio a loro.

Parlando appunto del vostro album Brezis vol.1: dove nasce l’idea per questo progetto?

L’idea nasce dalla nostra volontà di insegnare alla gente l’importanza di credere in quello che si sta facendo. Volevamo far capire questo: credere nei propri sogni è necessario. Vogliamo mandare questo messaggio: tutto è possibile, bisogna solo crederci.

La domanda sorge spontanea: ci sarà anche un volume 2? Potete anticiparci qualcosa a tal proposito?

Al momento non c’è in programma il volume 2, ma pensiamo che possa esserci in futuro.

Questo disco riprende diversi generi musicali come il rap, trap e pop ma anche la dance e il raggaeton. Com’è nato il vostro approccio a questi stili? Chi sono stati i vostri maestri musicali?

C’è sicuramente una grande influenza, ma facciamo quello che sentiamo. Ci piace soprattutto creare qualcosa di originale e che possa piacere al nostro pubblico.

State suonando anche nelle scuole, rivolgendo la vostra attenzione a numerosi giovani: qual è il consiglio che vi sentite di dare ai ragazzi che vorrebbero approcciarsi per la prima volta al mondo della musica?

Daniele: Ci teniamo sempre a precisare che non vogliamo insegnare nulla a nessuno; vogliamo raccontare le nostre esperienze, far capire che nella vita è importante credere e provare a realizzare i propri sogni. Se iniziano un percorso, devono essere sicuri di quello che fanno e dell’obiettivo che hanno: devono avere le idee chiare; l’approccio è fondamentale per capire come affrontare le varie situazioni.

Simone: Bisogna credere in quello che si fa, credere nei propri sogni, portare avanti quello che inizi a fare. Proprio come fa lo squalo: per questo inseguiamo questa cosa e cerchiamo di farla al meglio nonostante i problemi che possono esserci.

LEGGI ANCHE –> Eugenio Rodondi e i due nuovi singoli: “Perché non canto io? Il contenuto, più importante dell’apparire”

Quali sono i vostri futuri progetti?

Porteremo sicuramente avanti il progetto delle scuole: vogliamo trasformare la nostra musica in mezzo con cui parlare con i giovani. Per il momento, stiamo visitando le scuole della Lombardia ma c’è anche la possibilità di espanderci. Vogliamo far capire ai ragazzi che è giusto sempre andare lì a consigliare. Ci saranno poi i live in programma, e quelli sono in fase di dettaglio. Ci sarà l’apertura del concerto di The Kolors, e l’apertura – a metà luglio – di un concerto che vedrà la presenza di tanti artisti tra cui Caparezza.

Intervista a cura di Stefania Meneghella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *