Carmine Recano – Quando la realtà diventa destino

L'orgoglio di essere ciò che si è
L’orgoglio di essere ciò che si è
26 febbraio 2017
17141333_1487734301237609_1044897579_n
Margherita Vicario – La spontaneità di essere sé stessi
5 marzo 2017
17022510_1484553024889070_7285058208907444689_n

Attore



Lo vediamo attualmente nella fiction “Amore pensaci tu”, in onda su canale 5. Oggi è con noi Carmine Recano, attore con numerose esperienze televisive e cinematografiche alle spalle.

Nasce a Napoli il 28 novembre 1980. Debutta come attore nel 1998 nel film per la televisione “Un nuovo giorno” di Aurelio Grimaldi. Ottiene poi un piccolo ruolo ne “Le fate ignoranti” di Ferzan Ozpetek, con il quale lavora nuovamente in “Un giorno perfetto” e “Mine vaganti”.

Partecipa alla soap opera Un posto al sole e a fiction come Orgoglio e Carabinieri. Inoltre prende parte alla serie televisiva La nuova squadra.

Lasciamo ora la parola a Carmine, con l’augurio di proseguire questo meraviglioso percorso segnato dal destino.


D: Come nasce la passione per la recitazione?
R: Nasce per caso. Quando avevo 17 anni accompagnai un mio amico a teatro e da lì mi chiesero di fare un provino e sono stato scelto per il ruolo principale; ero molto giovane.

D: Quando hai compreso che la strada per la recitazione fosse quella giusta per te?
R: Ancora oggi lo devo comprendere; è stato qualcosa che mi ha scelto, che mi ha appassionato e ho continuato a studiare, mi sono trasferito a Roma e ho iniziato a fare dei provini. E’ un lavoro che ami e odi al tempo stesso. Lo ami perché è il mio lavoro e fa parte di me, ma dall’altro lato è legato all’incertezza; dopo ogni esperienza si ricomincia da capo.

D: Hai interpretato numerosi ruoli sia al cinema che in tv. C’è un mondo che senti più vicino a te?
R: Ho sempre avuto una preferenza per le tematiche sociale, è qualcosa di innato, ho sempre cercato di scegliere qualcosa che affrontasse queste tematiche per poterle raccontare.

D: Quali tra i tanti personaggi interpretati hai reputato più simile a te? Quale più distante?
R: Per il mio modo di lavorare cerco di avvicinare il personaggio al mio modo di essere. Sicuramente Jacopo, il personaggio che interpreto in “Amore pensaci tu” è molto simile a me caratterialmente, è molto istintivo.

D: Quanto credi il cinema e la tv possano sensibilizzare su tematiche più delicate?

R: E’ fondamentale raccontare e denunciare le realtà che ci circondano, quando è possibile scelgo queste tematiche sociale, perché ho l’esigenza di raccontare queste cose che accadono intorno a noi.

D: C’è un ruolo che sogni di interpretare?
R: No, non mi pongo queste domande, credo che le cose accadono da sé, proprio come è avvenuto con il mio approccio iniziale alla recitazione.

D: Ti vediamo attualmente impegnato nella fiction mediaset “Amore pensaci tu”. Cosa puoi svelarci del tuo personaggio?
R: Accadranno molte cose che avranno evoluzioni soprattutto nella gestione dei figli e nel rapporto con Elena. Dalla prima puntata che è molto descrittiva, si delineano poi le storie che si evolveranno. I temi sono importanti, ma affrontati sempre con il sorriso.

D: Quali sono i tuoi futuri progetti?
R: Per scaramanzia da buon napoletano preferisco non svelare troppo, però posso rivelare che ci sono due progetti in ballo.


Ringraziamo Carmine Recano, con l’augurio di proseguire questo meraviglioso percorso segnato dal destino.

Recensione a cura di Stefania Meneghella
Intervista realizzata da Manuela Ratti
Pubblicazione a cura di Roberta Giancaspro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *