Hubble cattura una misteriosa galassia distorta

De Gregori e Venditti pronti per il Tour estivo: le date
23 Giugno 2022
Mr Joy racconta il suo Vivere: “La mia linfa vitale? Parte tutto dai bambini”
24 Giugno 2022

Galassia ESO 510-G13. Credits: NASA/ESA and The Hubble Heritage Team (STScI/AURA)

Il telescopio spaziale Hubble, in orbita terrestre dal 1990, ha fotografato un’insolita galassia di taglio. Quest’ultima ha rivelato i dettagli del suo disco polveroso, deformato presumibilmente da una passata collisione con un’altra galassia.

La polvere e i bracci delle normali galassie a spirale, come la nostra Via Lattea, appaiono piatti se visti di taglio. L’immagine catturata da Hubble, la quale mostra la galassia “ESO 510-G13” scoperta dall’European Southern Observatory (ESO) in Cile, ci fa notare una inusuale struttura contorta.

La forte deformazione del disco indica che ESO 510-G13 ha recentemente subìto una collisione con una galassia vicina. Le forze gravitazionali, che subentrano durante una collisione, distorcono le strutture delle galassie, fondendo le Stelle e i gas presenti al loro interno.

I suddetti squilibri si attenuano dopo milioni di anni, quando le due galassie aggrovigliate danno vita ad un’unica singola galassia dall’aspetto normale.

LEGGI ANCHE –> Hubble trova lo scrigno del tesoro: una sfera di Stelle

Galassia ESO 510-G13 fotografata dal telescopio spaziale Hubble.
Credits: NASA/ESA and The Hubble Heritage Team (STScI/AURA)
Galassia ESO 510-G13 fotografata dai telescopi dell’European Southern Observatory (ESO) in Cile.
Credit: ESO

LEGGI ANCHE –> NASA: primo reattore nucleare sulla Luna entro il 2030

Nelle regioni esterne di ESO 510-G13, specialmente sul lato destro dell’immagine, notiamo che il disco contorto contiene non solo polvere scura, ma anche nuvole luminose di Stelle blu.

Questo indica che nel disco si stanno formando alcune Stelle giovani e calde. Gli astronomi ritengono che la formazione di nuove Stelle sia causata proprio dalla collisione con un’altra galassia, poiché le loro nubi interstellari si scontrano, comprimendosi.

La galassia ESO 510-G13 si trova nella costellazione dell’Idra, a 150 milioni di anni luce dalla Terra (1 anno luce corrisponde a 9.461 miliardi di chilometri).

Articolo a cura di Fabio Meneghella