Una splendida diversità

# si elisa
#Si Elisa
9 agosto 2016
Quando la favola diventa realtà
Quando la favola diventa realtà
9 agosto 2016
Una splendida diversità

 

Quando si parla di diversità generalmente si pensa subito all’accezione negativa di questo termine. Pensiamo che ciò che è diverso da noi non abbia le nostre stesse capacità o addirittura sia inferiore. Non è assolutamente così perché è talvolta la diversità a rendere una persona o una cosa più speciale ed unica. La cosa più bella è quando questo pensiero non resti esclusivamente tale ma si trasforma in qualcosa di tangibile, una realtà concreta attraverso la quale si può far comprendere questo pensiero e farlo diventare universalmente condivisibile. Per quanto riguarda la moda ad esempio vengono accettati solo determinati canoni di bellezza, la donne deve essere magra, alta e slanciata. Chi ha stabilito che una donna che sia più bassa o più formosa non possa ambire allo stesso modo al campo della moda? Bastano delle forme in più e dei centimetri in meno a demolire un sogno? Assolutamente no. A Parigi, capitale della moda si è svolta qualche giorno fa la terza stagione della “Nano fashion show” un sublime esempio di come la bellezza e la moda possano andare ben oltre le differenze. “Questo sfilata di moda significa molto per me, la bellezza ha diverse forme e dimensioni, era ora che la società iniziasse a confrontarsi con noi.”, queste le parole rilasciate da Jordana James, attrice ora impegnata per uno spettacolo a Broadway ed una delle ragazze che ha partecipato a questo magnifico evento.

. La sfilata si è svolta durante la settimana della moda parigina, e ha avuto luogo nel palazzo del ministero della Cultura francese. L’evento è stato organizzato dalla società americana “Creative the business house” in collaborazione con l’associazione francese “Donnons a leur une chance.” Tante ragazze affette da nanismo hanno quindi mandato la candidatura per partecipare a questa sfilata, tra le quali dieci hanno avuto modo di potervi accedere. L’organizzatrice dell’evento a sfilata conclusa ha espresso la sua gioia nella buona riuscita di questa sfilata, ma soprattutto perché è riuscita a portare un messaggio molto importante, quello che indipendentemente dalle forme o dall’altezza, la donna si deve amare sempre e sentirsi costantemente bella e bene con se stessa. La moda è per tutti, non è un ambiente limitato solo per certe persone, è un campo molto più esteso. Attraverso messaggi così profondi le ragazze nel mondo impareranno maggiormente a convivere con il loro corpo e accettarlo così com’è senza l’utilizzo di ritocchi estetici.

Sono questi i modelli che le persone dovrebbero imparare a seguire e ai quali ispirarsi, non quelli che maggiormente sono proposti. Le persone sono libere di scegliere, e dataci questa facoltà dobbiamo saperla sfruttare al meglio. Impariamo a scegliere, impariamo ad accettarci, impariamo ad amarci.

 


Articolo realizzato da Manuela Ratti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *