Tancredi- Il grande potere della scrittura

Manfredi - foto 1 di Federico Cataleta_b (1)
Manfredi-Il racconto della vita in musica
3 ottobre 2020
MASAMASA_foto nuova 2 12.16.23
MasaMasa- Crescere attraverso la passione
11 ottobre 2020
Tancredi-1554

Cantante

Tancredi-1554

 

Tancredi-2069

L’immaginazione e la fantasia, sono caratteristiche che aiutano nella nostra vita quotidiana. Il pensiero di qualcosa di positivo, di qualcosa che ci trasporti su un’altra dimensione ci fa sperare in qualcosa di meglio da poter realizzare e vivere. E’ questa la base su cui può nascere la scrittura, un pensiero, un’emozione, che ci fanno sognare. E’ di sogno ed immaginazione che si nutre la musica di Tancredi, che esaltando al massimo questi elementi, ne ha fatto il punto di forza distintivo della sua musica. Parole e musica che si fondono, e conducono in un viaggio dritto nel cuore dell’artista. Il potere della scrittura e delle emozioni, non solo hanno influito nella sua musica, e nel modo di vivere questa sua passione, ma gli hanno permesso anche di lasciarsi condurre dal cuore, imparando a rischiare, godendosi ciò che gli permette di stare bene.  Tancredi, classe 2001, nasce e cresce a Milano, in quella “Porta Romana bella”. Non si è mai estranei ai propri luoghi e porta nei suoi testi proprio la tensione di quell’aroma romantico e calmo che sa di albe e di attese e il non andarsi mai bene in un continuo muoversi tra la meraviglia e lo sconosciuto. E’ durante il liceo classico che Tancredi inizia a rifugiarsi nelle parole. Inizia ad immaginare storie silenziose che parlano di respiri, futuro, città, famiglia e fughe. Quando queste storie trovano la musica ecco che arrivano le battle, i primi riconoscimenti, i contest e l’ingresso nell’ambiente hip hop milanese. Scrive da solo Tancredi, ascolta artisti dell’underground d’oltreoceano e li rielabora con la raffinatezza di un diciannovenne che ha qualcosa da dire senza urlare. Ascoltare Tancredi ti porta proprio a sentire quella continua tensione tra il centro e la periferia di qualunque città del mondo.

Lasciamo ora la parola a Tancredi con l’augurio di proseguire in questo meraviglioso percorso.

 

 D: Come nasce la passione per la musica?

R:La passione per la musica è nata sin da quando ero piccolo, però allora mi piaceva di più ballarla che cantarla, poi quattro/cinque anni fa ho cominciato a fare freestyle coi miei amici e a scrivere le prime canzoni fino a innamorarmene completamente.

D:Quali sono state le tue influenze musicali maggiori in questi anni?

R:Le mie influenze musicali sono per lo più hip hop perché ho iniziato facendo quello, direi che J. Cole e Drake sono i due artisti che mi hanno influenzato di più a livello di liriche e metrica, sicuramente Joji per l’utilizzo delle melodie e Jaden per quanto riguarda l’immagine.

D:In che modo pensi che la musica abbia cambiato la tua vita?

R:Diciamo che da quando ho iniziato a fare musica ho capito che questa era l’unica cosa che mi facesse stare veramente bene, non mi serviva altro una volta mi mettevo a scrivere, quindi direi che ha cambiato totalmente la mia vita, perché mi ha dato emozioni e stimoli per cui vale la pena rischiare.

D: Come potresti descrivere la tua musica a chi ancora non ha avuto la possibilità di conoscerla?
R:Quello che sto cercando di fare è spaziare tra i vari generi mantenendo una base di rap melodico, in questo caso con “Bella”, il mio ultimo singolo, ho voluto spostarmi verso qualcosa di un po’ più dance, cosa che non avevo mai fatto prima. Credo che il mio punto di forza siano i testi perché cerco di coinvolgere l’ascoltatore raccontando storie in cui ci si possa ritrovare ed eventualmente emozionarsi.

D: Come nasce l’ispirazione per il tuo ultimo singolo “Bella”?
R:Durante il periodo di lockdown è avvenuta una “rinascita” di me stesso e quindi anche della mia musica, ho passato mesi a scrivere canzoni su canzoni sempre più sperimentali per uscire dalla comfort zone visto che era l’unico modo che avevo per “uscire”. Bella è nata durante questo periodo, avevo voglia di ballare e di sentire nuove storie così ne ho creata una io.

D: Raccontaci del video di questo singolo
R: Il video di “Bella” riprende delle vibes dance e lofi che da un po’ di tempo mi affascinano molto, la storia è abbastanza semplice e lineare, il punto forte del video secondo me è il finale perché ti fa capire che “Bella” è il prequel di “Alba”.

D:C’è in progetto un lavoro discografico?

R:Si ci stiamo lavorando da un bel po’ di mesi, ma al momento non posso spoilerare nulla!

D: Qual è una collaborazione che in futuro ti piacerebbe poter realizzare?

R:Ci sono veramente tanti artisti con cui vorrei collaborare. Il mio sogno per quanto riguarda il panorama italiano sarebbe Lazza e invece per quanto riguarda un featuring estero Jaden.

D: Come immagini il tuo percorso musicale tra 10 anni?

R:Attualmente sto lavorando al disco e ai prossimi singoli che usciranno e che lo anticiperanno. Mi auguro di riuscire a fare un bel tour in tutta Italia, magari quest’estate. Sul lungo periodo, il mio grande sogno sarebbe un disco d’oro, ma per quello si vedrà.

D: Quali sono i tuoi futuri progetti?

R: Fare bella musica, uscire con altri singoli e infine chiudere l’album.


Ringraziamo Tancredi per la loro collaborazione e per il tempo che ci hanno donato, augurandogli di continuare a sorprenderci e a sorprendersi.

 

Intervista realizzata da Manuela Ratti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *