350
Save the sea – Save the Earth
6 agosto 2017
image5
Chris Medina – Una piuma che vola nell’anima di chi ascolta (A plume that flyes in the soul of the listener)
20 agosto 2017

“Sotto il sole, sotto il sole
Di Riccione, di Riccione
Quasi quasi mi pento
E non ci penso più…”

Ecco il ritornello della canzone più trasmessa in radio, sulle spiagge, cantata da tutti, e del gruppo musicale THEGIORNALISTI.
Il segno di un’altra estate che è arrivata e delle meritate vacanze che in molti attendono per “staccare la spina”. Ma attenzione, prima di partire non dimenticate l’occorrente per una protezione completa.
Proprio come accade per la pelle, le radiazioni UV producono conseguenze visibili, anche, sulle nostre chiome. Uno studio della Pennsylvania (USA) ha, infatti, dimostrato che i raggi solari oltre a causare uno stress ossidativo (rottura di equilibrio fisiologico) su tutto il capello, dal follicolo pilifero al fusto ha come conseguenze lo sbiadimento del colore, e la sua caduta. I raggi UV riducono così, la componente lipidica e rompono i legami delle cellule di cheratina.

Come prevenire questo?
È necessario fare una esposizione moderata, che corrisponde, in norma, ad un massimo di 30 minuti giornalieri. Anche quando siamo lontani dalla spiaggia è bene proteggere i nostri capelli.

Come fare?
In primis è utile indossare un copricapo per proteggere al massimo la nostra nuca e applicare di prima mattina un olio solare per capelli, rigorosamemte anti UV. È opportuno distribuirlo lungo tutta la nostra chioma con  le mani o l’ausilio di  un pettine:  su capelli asciutti o umidi o secondo le indicazioni riportate sulla confezione. Rinnovate l’applicazione se trascorrete diverse ore in spiaggia. Se preferite, potete utilizzare oli vegetali puri, con le stesse modalità. Quando si parla di olio per proteggere i capelli dal sole, l’olio di cocco, è l’alleato numero uno e ha il vantaggio di essere anche uno degli oli vegetali più economici e più resistenti all’irrancidimento oltre che essere facilmente reperibile. I capelli hanno bisogno di essere ritrattati anche dopo l’ esposizione. Il post spiaggia incomincia proprio sotto la doccia. È preferibile usare acqua dolce per lavare i capelli, in modo tale da eliminare residui di sale che li sfibrano e inaridiscono.  Utilizzare uno shampoo neutro o eco-bio (doposole),  che nutra i capelli da   integrare con maschere e non balsami.
Oltre a queste indicazioni, per avere capelli idratati, morbidi e lucidi, ricordate di bere almeno due litri di acqua al giorno e di mangiare diverse porzioni di frutta e verdura nel corso della giornata: due buone abitudini che faranno bene a tutto il corpo, non solo ai capelli

“PRENDERSI CURA DI SÉ È UNA OPERAZIONE CHE NASCE DAI PICCOLI GESTI”.


Articolo realizzato da Marika Carolla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *