Simone Piva e i Viola Velluto- Musica istintiva

60804039_2024513824523097_1311744915562037248_n[1]
Dominika Zamara- Forte come Violetta
21 settembre 2019
A Int
Attilio Fontana- Come un mondo da esplorare
5 ottobre 2019
COPERTINA FRONTE_ESTERNO12

COPERTINA FRONTE_ESTERNO12

“Fabbriche polvere e un campanile nel mezzo”è l’ultimo progetto discografico di Simone Piva e i Viola Velluto, un progetto che rivela molto di loro e al quale sono molto legati. E’ un progetto che permette al pubblico di conoscere tutte le loro sfaccettature e farli apprezzare proprio per questa ragione. Un mix di tutte le loro esperienze musicali compiute singolarmente hanno portato alla realizzazione di questo album da un sound complesso e variegato. Simone Piva – chitarra e voce – scrive canzoni da sempre. Inserito nel mondo musicale dal 2000, l’artista udinese nel 2008 crea il progetto rock “Simone Piva & i Viola Velluto” assieme ad Alan Liberale (Batteria e Percussioni), Luca Zuliani (Contrabbasso), Federico Mansutti (Trombe), Francesco Imbriaco (Piano e Tastiere) e Matteo Strazzolini (Chitarre elettriche, acustiche e Slide chitarra). Con la band incide 4 dischi distribuiti in tutta Italia e si esibisce su prestigiosi palchi italiani assieme ad importanti artisti tra cui Nada, Zen Circus, Tre Allegri Ragazzi Morti e Morgan oltre ad alcune esperienze estere tra cui di rilevante importanza è quella parigina al Petit Théâtre du Bonheur. Partecipa a varie trasmissioni televisive e radiofoniche locali nazionali ed è tra i protagonisti del film documentario “AI CONFINI DEL ROCK” del regista Massimo Garlatti distribuito in tutta Europa. E’ menzionato inoltre dagli scrittori Alberto de Poli e Matteo Strukul nei loro rispettivi libri “Incubi a Nordest” per Edizioni La Gru 2011 e la “Regina Nera, la Giustizia di Mila” per collezione Sabot/Age 2013.

Lasciamo la parola a Simone Piva e i Viola velluto con l’augurio di proseguire in questo meraviglioso percorso 

D: Come nasce la vostra passione per la musica?

R: La nostra passione per la musica, non nasce è qualcosa di insito, che viene fuori dalle viscere passando per il cuore.

D: Come nasce la vostra fusione musicale?

R:  Nasce soprattutto dal mio immaginario western/messicano, passando dalle diverse esperienze musicali di ognuno di noi.

D: Come vi descrivereste dal punto di vista musicale?

R: Lo descriverei così “Spaghetti Rock Western”.

D: Come siete cresciuti musicalmente nel corso della vostra carriera?

R: Ognuno di noi ha il suo percorso personale, il mio è partito dai cantautori degli anni sessanta/settanta passando per il Grunge anni 90.

D:  Da poco è uscito il vostro album “Fabbriche polvere e un campanile” come mai avete deciso di chiamarlo così?

R: Per provare a disegnare con le parole, tre colpi di pennello per descrivere l’Italia.

D: Qual è il brano al quale siete più legati o che maggiormente vi rappresenta?

R: Probabilmente il nostro ultimo singolo “SERGIO LEONE” perché rispecchia bene ciò che facciamo, ma anche “LA BATTAGLIA INFURIA” è un brano a cui teniamo molto.

D:  Avete un sogno da voler realizzare in ambito musicale?

R: L’unico sogno è poter continuare a suonare e portare la nostra musica il più lontano possibile.

D: Quali sono i vostri progetti futuri?

R: Continuare a suonare scorrazzando per lo stivale.

Ringraziamo Simone Piva e i Viola Velluto per la loro collaborazione e per il tempo che ci hanno donato, augurandole di continuare a sorprenderci e sorprendersi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *