Simone Da Pra- Rivelazioni di anime

LTM_preview
Leave the Memories- La positività di guardare avanti
8 aprile 2018
29570409_2030475856967073_455455758072090039_n
Cli- Piccoli passi per raggiungere il cuore
12 aprile 2018
Simone Da Pra_cover singolo Passerà_b

Cantante

Pagina facebook:Simone Da Pra


 

Foto Simone Da Pra_b (1)

Simone Da Pra è un è un rapper che della musica ha fatto la sua vita, svelandosi come un libro aperto al suo pubblico. E’ nato a Pieve di Cadore (Belluno), classe 1985. Da 2002, inizialmente sotto pseudonimo, inizia a registrare i suoi primi brani. Debutta nell’ambiente del rap italiano nel 2006 con il disco “Vita Di Ragazzi Di Oggi”. Nel 2008 pubblica “Bancarotta”, un Ep composto da 18 brani che affrontano tematiche giovani e di protesta sociale. Nel 2010 pubblica, “CabaRap”, album che vede la collaborazione con Linus e Nicola Savino, un featuring parlato estratto dal programma Deejay Chiama Italia. Nel 2013 esce “Sempre Più Scemo”, primo singolo che anticipa l’uscita del suo terzo album, dal titolo “Crisi D’Identità”. Nello stesso anno collabora con vari artisti rap come Ensi, Raige e Mondo Marcio. Nel 2015, utilizzando il suo vero nome, pubblica “Libero”, Ep che include i brani “Potrei essere proprio lei” e “L’amore è amore”. Dal 30 marzo Simone Da Pra tornerà in radio con il brano “Passerà”.

Lasciamo la parola a Simone Da Pra con l’augurio di proseguire in questo meraviglioso percorso 

D: Come nasce la tua passione per la musica?

R:Nasce un po’ per il fatto che vivo in una piccola città e ascoltando la musica degli altri ero fortemente attratto.

D: Cosa ricordi del periodo della tua gavetta? Qual è stata un’esperienza per te importante?

R: Ci sono tante cose; il primo passaggio radio è stato fantastico anche perché veniva dopo l’esperienza fatta con Nicola Savino e Linus, anche il primo momento in studio ti cambia il mondo, da quando fai musica in cantina a quando fai musica in studio.

D:Come pensi che la tua musica sia cambiata nel corso degli anni?

R:E’ cambiata a seconda di come sono cambiato io. Prima ero meno riflessivo e questo distogliere l’attenzione dalla realtà traspariva anche dalla musica. Inizialmente ho costruito un personaggio e facevo musica per divertirmi, successivamente ho fatto uscire fuori tutto quello che avevo dentro e sono emersi i contenuti.

D: Hai effettuato nel corso del tuo percorso musicale molte collaborazioni. Cosa hai imparato da queste collaborazioni? C’è una collaborazione che in futuro ti piacerebbe realizzare?

R:Sicuramente quando ho fatto le collaborazioni sono stati momenti fantastici, perché gli artisti con cui ho lavorato mi piacevano e mi hanno fatto molto crescere artisticamente, anche nel solo confrontarsi. Non sono cambiato dal punto di vista artistico, ho preferito guardare la mia strada piuttosto che pensare al percorso altrui, sicuramente mi hanno aiutato a crescere. In futuro delle collaborazioni sarebbero interessanti, oggi non le ho cercate perché ho fatto un lavoro talmente personale che non avrei visto bene una collaborazione, ci sono troppo io al centro di tutto. In futuro sarebbe bello collaborare, nel panorama italiano ce ne sono tanti, quindi ti dico speriamo.

D: Cosa ci dici invece a riguardo del tuo ultimo brano intitolato “Passerà”?

R:“Passerà” è stata una necessità, nato per caso una notte e riascoltandola e rileggendo il testo mi è sempre piaciuta, e sono contenta che abbia suscitato lo stesso effetto al produttore e agli addetti ai lavori, è fondamentale capirsi e che piaccia ciò che faccio. Questo brano è adatta a chi attraversa un momento difficile, e bisogna reagire senza farsi sottomettere, bisogna sempre sapersi rialzare.

D: Cosa vorresti che le gente recepisse da questo brano?

R:Mi piacerebbe che la gente capisse che capita di cadere, soprattutto in tempi come oggi dove tutto sembra bello all’apparenza, perché parlarne può aiutare a liberarsene. Spero che nella parte di speranza le persone possano rivedersi.

D:C’è in progetto un nuovo album?

R: Spero di si. Ho lavorato a questo singolo e spero di poter lavorare ad un altro singolo, e successivamente ad un album.

D:Quali sono tematiche che vorresti trattare in un tuo futuro album?

R:Al momento non saprei, ho tante idee e devo raggruppare il tutto. Questo singolo mi ha spiazzato, non avrei mai pensato di concentrarmi su di me, e devo capire di cosa trattare nella prossima canzone.

D:Qual è il bilancio del tuo percorso musicale fino ad ora?

R:E’ difficile trovare un equilibrio nella musica, si vive come in un’altalena tra gioia, dolori, rimpianti. La musica è questo e sono molto felice che ultimamente ho trovato una mia connotazione, mi sento apposto. Prima non sapevo cosa fare, oggi faccio le cose a modo mio e sono felice di aver trovato questo me stesso artistico.

D: Quali sono i tuoi futuri progetti?

R: Davanti a tutto c’è lo stare bene con me stesso e gli altri, spero di fare ancora musica e che rimanga tutto come adesso, e non si perda questa dimensione di cui ti parlavo, spero di riportarlo con un nuovo singolo o un album. La musica ti fa stare bene e quello è l’importante.

Intervista realizzato da Manuela Ratti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *