Laura Ciriaco- Un cuore tra magia ed energia

Edwyn Roberts 1
Edwyn Roberts- La bellezza di sapersi ancora emozionare
22 luglio 2018
emma fenu foto
Donne e maternità
30 luglio 2018
1Laura Ciriaco_foto di Federico Sammartino

Cantante


2Laura Ciriaco_foto di Federico Sammartino

 

Laura Ciriaco ha partecipato all’ultima edizione di “The voice of Italy”, arrivando in semi finale, raggiungendo un bellissimo traguardo. Da poco ha pubblicato il suo ultimo singolo intitolato “Qualcosa di speciale” del quale oggi ci parlerà, e ci racconterà come la musica l’ha trasformata, rivelando energia e magia.

Lasciamo la parola a Laura Ciriaco con l’augurio di proseguire in questo meraviglioso percorso 

D:Come nasce la tua passione per la musica?

R: La mia passione per la musica nasce grazie a mia madre, chitarrista per passione, che ha indirizzato sia me che mio fratello verso il pianoforte. Ho iniziato a 6 anni e non ho più smesso.

D:  Quali sono state le influenze maggiori dal punto di vista musicale?

R: Le influenze maggiori sono state sicuramente il funk (Stevie Wonder, Tower of Power) e il soul.

D: Come arrivi a The voice of Italy? Quali erano le tue aspettative?

R: Arrivo a The Voice grazie all’insistenza di mio marito!Mi ha pregato per mesi di mandare la richiesta e alla fine l’ho accontentato. Diciamo che non avevo grosse aspettative trattandosi di un programma tv che riceve milioni di richieste, ma speravo, come è poi effettivamente successo, di ricredermi e di avere l’opportunità innanzitutto di divertirmi e poi di arrivare a un pubblico molto più grande, mostrando me stessa.

D:  Cosa ricordi delle Blind Audition? Quali sono state le tue emozioni prima e dopo?

R:Della mia Blind Audition ricordo l’allegria nei camerini durante la giornata che precedeva la puntata, ricordo il morso allo stomaco quando aspettavo di salire per l’esibizione, ricordo lo schienale delle sedie dei coach con i loro nomi…Poi ricordo l’adrenalina non appena le prime note del mio brano hanno iniziato a risuonare nello studio e la felicità di vedere le sedie girarsi!

D:  Qual è il ricordo più bello che porterai con te dopo questa esperienza?

R:Fortunatamente da questa esperienza ho portato a casa solo ricordi belli! Uno dei più belli rimarranno gli occhi di Cristina quando dopo avermi scelto per portarmi in semifinale mi disse: “Hai lottato e te lo sei meritato”.

D: Raccontaci del tuo ultimo singolo intitolato “Qualcosa di speciale”

R:“Qualcosa di speciale” vuole essere un messaggio per tutti: ognuno di noi a suo modo è speciale e per ognuno di noi la vita, prima o poi, riserva qualcosa di speciale.

D: Che sonorità e che temi vorresti ci fossero in un futuro disco?

R:Per me, la musica è un mezzo di comunicazione che deve parlare al cuore. Io ascolto tutto ciò che muove le mie emozioni e i miei pensieri in maniera diretta, senza filtri, e vorrei che il mio primo disco riflettesse questa poliedricità e non richiamasse solo uno specifico genere o delle sonorità tipiche solo del pop o solo del rock, etc.

D:Sogni nel cassetto?

R:Il mio cassetto è pieno di sogni e devo dire che pian piano, con tenacia e costanza, sto vedendo la realizzazione di molti di essi. Ma sono anche un po’ scaramantica, quindi…

D:  Quali sono i tuoi futuri progetti?

R: Al momento mi sto concentrando con tutto il mio team sulla realizzazione del disco, che non sarà di certo un traguardo ma solo un punto di partenza. E per il resto… è tutto un po’ segreto al momento, quindi rimanete sintonizzati!

Intervista realizzato da Manuela Ratti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *