La scelta- Il colore dell’unicità

image[1]
Gaetan Kuchta, giovane tra i giovani e per i giovani
14 febbraio 2018
13891959_531347987073463_124205496106949824_n
Vincenzo Alfieri- La creatività della mente
14 febbraio 2018
04_LaScelta_phDeboraTofanacchio

Band 

Pagina facebook: https://www.facebook.com/lasceltaband/


Cover-cd-LA-SCELTA_COLORE-ALIENO

E’ bello poter scavare infondo alle cose, andando oltre l’apparente superficie di ciò che ci circonda, è bello sopratutto perchè si possono scoprire cose nuove, nuovi colori, nuove sfumature, nuovi modi di vedere le cose. E’ questo che ogni giorno cerca di fare “La scelta”, che con la musica cerca di raggiungere i mondi più remoti presenti all’interno di tutti noi. 

LA SCELTA sono: Mattia Del Forno (voce, piano, synth), Francesco Caprara (batteria percussioni), Emiliano Mangia (chitarre) e Marco Pistone (basso).
Si formano a Roma nel 2006. Si affacciano alla scena musicale e autorale italiana con una forte identità. Sono figli della scena new rock che invade la capitale da oltre un decennio. La loro musica parla lingue diverse, attinge dal ricco sottobosco italiano, guarda all’Europa e va a curiosare in giro per il Mediterraneo. Siamo sul terreno del suono multiculturale ma con radici salde nella tradizione testuale italiana. Nel febbraio 2008 si classificano secondi al Festival di Sanremo 2008 con il brano “Il Nostro Tempo” nella categoria “Giovani”, vincono il premio AFI (Associazione dei Fonografici Italiani e pubblicano il loro primo album dal titolo “Il Nostro Tempo”. Lo stesso anno suonano al concerto del Primo Maggio in Piazza San Giovanni. Pubblicano poi il secondo singolo “La Grande Danza” e partono per tour un estivo. Fra il 2011 ed il 2012 registrano alcuni brani ad El Paso (Texas) con Fabrizio Simoncioni (sound engineer di fama internazionale, pluri-nominato ai Grammy Awards). Nel 2014 si consolida la collaborazione con Ron: il brano “Sing In The Rain”, con cui l’artista partecipa al Festival di Sanremo di quell’anno, è firmato da Mattia Del Forno, così come altre quattro tracce presenti nel disco del cantautore “Un Abbraccio Unico”. Seguirà un tour estivo durante il quale La Scelta partecipa come ospite all’interno dello spettacolo. A febbraio 2015 inizia un lunghissimo tour che vede La Scelta e Ron insieme sul palco per otto mesi di concerti in tutta Italia. Nell’autunno dello stesso anno Ron affida a Mattia la produzione del suo nuovo disco, “La Forza Di Dire Sì”, contenente 24 duetti con grandi artisti della musica italiana sulle note dei brani più conosciuti del cantautore. Il disco contiene anche due inediti scritti da Ron in collaborazione con Mattia (“Aquilone” e “Perdonami”). Il disco esce a marzo 2016 ed i proventi i vengono devoluti ad AISLA. La band registra diverse tracce del disco e partecipa assieme ad altri 22 artisti al videoclip del singolo ”Una Città Per Cantare 2016″, che arriva primo in classifica iTunes e diventa per diverse settimane uno dei brani più trasmessi dalle radio. Ad aprile 2016 parte “La Forza Di Dire Si Tour”: Ron e La Scelta condividono il palco riproponendo i più grandi successi del cantautore di Pavia. Durante l’estate dello stesso anno esce in rotazione radiofonica il singolo-duetto “Aquilone“. Il brano si posiziona nella top 10 delle canzoni indipendenti più trasmesse.A dicembre 2016 esce in rotazione radiofonica un singolo della band “Tamburo”.
La Scelta è autrice del brano “L’ottava meraviglia”, presentato da Ron al 67° Festival di Sanremo. Lo scorso 17 ottobre 2017 è uscito in radio il primo singolo “Transoceanica” dal cd “Colore Alieno”. Il videoclip di “Transoceanica” ha vinto il “Roma Videoclip 2017″ – XV edizione festa del videoclip Indie”, Il “Roma Videoclip” è una speciale kermesse dedicata a evidenziare e a dare sempre maggiore risonanza a videoclip musicali innovativi ed indipendenti, considerati sempre più un micro film e una forma d’arte in costante evoluzione. E sempre il videoclip di “Transoceanica” è stato anche presentato l’11 novembre alla IV edizione del “Russia-Italia Film Festival”.

 

Lasciamo la parola a La Scelta con l’augurio di proseguire in questo meraviglioso percorso.


D:Quando e come nasce la vostra band?

R:La nostra band nasce nel 2006, ma ci conoscevamo da prima essendo amici di quartiere, suonavamo in situazioni diverse e poi abbiamo deciso di unire le nostre forze.

D: Come mai avete scelto di chiamarvi “La scelta”?
R: Il nome “La scelta” è perché abbiamo deciso di intraprendere un cammino insieme. Prima ognuno suonava in situazione diverse e abbiamo deciso poi di unire le nostre idee. Una delle prime canzoni raccolte nel nostro primo disco si intitola “La scelta” e ci sembrava il nome adatto.

D: Come pensate la vostra musica si sia evoluta nel corso degli anni?

R: Siamo cresciuti noi anche come modo di approcciarci alla musica stessa, quindi di conseguenza anche nei testi. All’inizio abbiamo sperimentato tanto per trovare una nostra identità, fino a trovare un sound che ci rispecchia completamente. Giorno dopo giorno ci rendiamo conto di avere ancora tante cose da dire, e essendo molto curiosi siamo in continua evoluzione, non ci accontentiamo mai e ogni volta è una scoperta.

D: Avete collaborato anche con un musicista importante come Ron. Cosa ci dite in merito e quanto un’esperienza del genere vi ha cambiato?
R: Con Ron abbiamo iniziato a collaborare dal 2009, lavorando in studio ed in produzione, e sono più di tre anni che suoniamo con lui come sua band. Ci ha cambiato tanto perché collaborare con un mostro sacro della musica italiana ti fa migliorare giorno dopo giorno, ti porta in una nuova visione della canzone e della musica stessa, dove si dà molta importanza al testo. Prima noi partivamo dal suono o da un arrangiamento, ora pensiamo a qualcosa che possa funzionare anche con sola chitarra e voce. Con lui è sempre una grande esperienza, ci ha dato tanto, e noi abbiamo dato tanto a lui a livello di entusiasmo; ci siamo trovati in un bel momento.

D: Il vostro ultimo album si intitola “Colore alieno”. Come mai avete scelto di chiamarlo così e cosa lo distingue dai vostri precedenti lavori?
R:Abbiamo deciso di unire due titoli di tracce presenti all’interno del nostro ultimo album: una è “Colori” l’altra è “Alieno”, tirando così fuori il titolo. Siamo partiti dal concetto di una società sempre più alienata che tende in qualche modo a spegnerci un po’, mentre il colore lo possiamo trovare all’essenza delle cose stesse. Spesso possiamo sentirci alieni, perché rimaniamo sognatori ed idealisti e crediamo che fare della bella musica possa portare al successo, piuttosto che adattarsi ad un meccanismo un pochino più televisivo e discografico. Il nostro modo di approcciarci alla musica e alla vita è quindi la ricerca verso questo colore che può essere per gli altri alieno.

D: Il primo estratto da questo album si intitola “Alieno”. Parlateci meglio di questo brano
R:E’ una canzone che parla di un risveglio, traumatico da un verso perché quando ad un certo punto si alza la testa e si aprono gli occhi e gli orizzonti ci si sente estranei a quello che succede intorno. Si percepisce una situazione più sterile dove i sentimenti sono messi in secondo piano. Il tema è quindi quello di svegliarsi da un sonno del pensiero.

D:Quali sono i vostri principali obiettivi quando scrivete un singolo o siete in uscita con un album?
R:Quello di essere soprattutto soddisfatti noi, se una canzone non ci rende convinti non la facciamo uscire e poi quella di trovare dei live dove proporre delle nostre canzoni, per farle così conoscere al pubblico.

D:E’ da poco finito Sanremo, uno dei palchi che vi ha reso celebri. Tornereste mai su quel palcoscenico?

R:Si, ci piacerebbe tanto tornarci. Ogni anno lo guardiamo con grande entusiasmo e curiosità poi quest’anno c’è stato Ron e abbiamo fatto il tifo per lui, un giorno ci piacerebbe tornarci.

D:C’è una collaborazione che vi piacerebbe in futuro poter realizzare?

R:La collaborazione per noi è linfa vitale, anche in questo disco ce ne sono molte, e riteniamo che lo scambio artistico sia fondamentale per crescere e trovare una strada che non appartiene, ma che ti può far abbracciare altre musicalità. Io personalmente amo molto Jovanotti, e anche il resto della band. Qualsiasi artista che abbia qualcosa da dire vicino alla nostra è sempre ben voluto.

D: Quali sono i vostri futuri progetti?
R:Il 15 marzo partiamo da Roma con una serie di live che ci vedranno impegnati per tutta l’estate. E’ una data importante e ci saranno tanti ospiti, poi abbiamo tanti altri brani già pronti e vediamo se presto facciamo uscire un nuovo album.


Ringraziamo La Scelta per la sua collaborazione e per il tempo che ci ha donato, augurandogli di continuare a sorprenderci e sorprendersi.

Intervista realizzata da Manuela Ratti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *