La potenza dei sogni
La potenza dei sogni
29 gennaio 2017
amore che sconvolge il cuore
Amore che sconvolge il cuore
29 gennaio 2017

 Cantante

Sito Web: Idhea
Facebook: 
Idhea

 FB_IMG_1485646929277


E’ la forza a rendere magica la musica, nelle sue piccole e contrastanti tonalità. E’ proprio la forza a renderla migliore. Ad averci portato a questa intervista, è stato l’ascolto di una voce diversa. Bella e diversa. Bella, per la sua assoluta capacità di racchiudere le più profonde e intense note in un unico luogo. Diversa, perché è stato qualcosa di mai ascoltato prima.

FB_IMG_1485646934884Stiamo parlando della giovane cantante ligure Idhea. Un misto, dunque, di dolcezza e coraggio. Il pubblico, pur non consapevole della sua formazione classica, riesce a percepirne l’essenza, grazie alla sua voce contrastante, ma fatta anche di singole sfumature.

Il ritmo è movimentato ma, nonostante questo, Idhea riesce comunque a mantenere la sua originaria natura: quella di donna che crede nell’amore e nelle cose belle della vita.

Idhea, dall’età di 14 anni inizia a prendere regolarmente lezioni di canto moderno e, per alcuni anni, di canto lirico in qualità di soprano drammatico. Segue inoltre corsi di teoria e solfeggio, studia pianoforte e danza contemporanea. Negli anni partecipa a vari concorsi a livello nazionale, ottenendo sempre consensi e riconoscimenti. Tra i concorsi più significativi, il “Premio Mia Martini” (in cui giunge in semifinale nazionale); “Una note per amica” (in cui vince il Premio della Critica); “Festival degli Interpreti” proponendo il suo primo brano inedito “Sorrido e fingo”, che le permette di accedere in finale nazionale nella categoria Autori; “Festival delle due Riviere” giungendo in finale nazionale e provando l’emozione di esibirsi sul palco accompagnata da un’orchestra di 33 elementi; “Margherita d’Oro” (in cui arriva in finale nazionale); è finalista al concorso nazionale “Festival degli Autori” di Sanremo con il brano inedito “Artica”; riceve il Premio Radio Blu come Artista Rivelazione.
Partecipa ad alcune trasmissioni televisive come “50 Canzonissime” (Rai Uno) con Carlo Conti e “Lucignolo BellaVita” (Italia1), e come ospite ai “Sanremo Music Awards”, in onda su Sky (manifestazione collaterale al Festival).
Nel 2014: pubblica il suo primo album di inediti “No Chains” (Advice Music/Edel), disponibile sulle più importanti piattaforme digitali (iTunes, Google Play, Spotify…) e nei negozi di dischi delle catene La Feltrinelli/Ricordi Media Store. Si tratta di un disco prettamente pop-rock composto da 10 brani, tre dei quali sono cantati in inglese per puntare anche al mercato internazionale.
Nel 2015 partecipa al programma tv “Detto Fatto” (Rai Due) con Caterina Balivo e, ad ottobre, vola a Madrid in Spagna per la promozione radiofonica di “Love or friendship”, singolo in inglese estratto dall’album “No Chains”.
Nel 2016 pubblica il nuovo singolo pop-dance “Domani Lontani”, composto da Paolo Agosta e masterizzato al Massive Arts di Milano. Il brano è disponibile online sui più importanti portali digitali (iTunes, Google Play, Spotify…). Nel gennaio 2017, il TgR Liguria le dedica un servizio inserendola nella rubrica “Talenti Nostri” e trasmettendo il video di “Attimi”, singolo estratto dall’album d’esordio “No Chains”.

Lasciamo la parola a Idhea, con l’augurio più grande di proseguire in questo suo meraviglioso percorso.


D: Come nasce la passione per la musica?
R:
La passione per la musica è innata in me sin da quando ero piccolissima. In famiglia si respirava aria musicale essendo mia nonna una cantante, non professionista, ma ha spesso cantato nei cori della chiesa; mia madre invece non ha mai cantato ma le è sempre piaciuto ascoltare musica e quindi a livello di generazioni mi è stata trasmessa. Sin da piccolina ho sempre ballato e ascoltato musica italiana, improvvisando anche qualche testo e melodia. Crescendo ho deciso di prendere seriamente questa passione iniziando a studiare sia musica quindi solfeggio. Ho proseguito poi con la tastiera fino agli studi di pianoforte e chitarra, per poi apprendere da diversi vocal coach il canto, sia moderno che lirico come soprano drammatico. Questa parentesi mi ha molto aiutata a livello tecnico e di respirazione. Oltre al talento è necessario lo studio.

D: Ci sono artisti che ti hanno ispirato e ti hanno fatto diventare musicalmente ciò che sei oggi?
R:
Ci sono diversi artisti da cui traggo ispirazione in primis Micheal Jackson, che è l’icona della musica pop, il genere che prediligo. L’ho conosciuto da adolescente e mi sono innamorata della sua figura artistica; lo trovo un performer completo e in campo musicale ha portato molta innovazione. Oltre a lui mi ispiro molto alla musica americana di cui adoro il ritmo, quindi altre figure rappresentative per me sono Beyoncè e Ariana Grande.

D: Un passo importante è stata l’uscita dell’album “No chains” nel 2014. Cosa ti ricordi del periodo precedente alla pubblicazione e in quello quando il disco era già disponibile?
R:
Il 2014 nella mia carriera artistica è stato un anno decisivo, proprio grazie all’uscita del disco. E’ stata un’immensa soddisfazione poter realizzare qualcosa che fosse completamente mio. Ricordo tutto lo studio che c’è stato dietro; per creare un disco sono necessari più o meno due anni, per capire bene il genere da trattare e lavorare sulle canzoni giuste; è un lavoro che include tutto il team, che mi è stato molto accanto. Ricordo molto bene anche la promozione, ho fatto passaggi molto importante come l’uscita su Vevo con il singolo “Attimi”, la promozione in Spagna per le canzoni in inglese e anche dei passaggi radiofonici e televisivi.

D: C’è una canzone di questo album alla quale sei particolarmente legata? Se si perché?
R:
Sono legata principalmente ad “Attimi” per vari motivi. Mi ha permesso di accedere alla piattaforma Vevo ed è la canzone del disco che preferisco. Un altro ricordo legato a questa canzone è quello di Dr Feelx, importante vocalist del “Chiambretti Night” e speaker radiofonico, da poco venuto a mancare. Due anni fa, lui era presente durante una manifestazione collaterale fatta nel periodo di Sanremo ed elogiò il mio brano. Eravamo anche rimasti in contatto e una volta mentre parlavamo al telefono fece partire come sottofondo proprio la mia canzone; è stata una bellissima sorpresa. Di recente il videoclip è stato scelto da rai 3 per farlo passare sul tg regionale, quindi una cosa molto significativa per me.

D: Il tuo ultimo singolo, invece, si intitola “Domani lontani” che sta avendo un ottimo riscontro da parte del pubblico. Parlaci di questo brano.
R:
“Domani Lontani” è uscito su tutte le piattaforme digitali ad Ottobre 2016; è stato scritto e composto da Paolo Agosta, un musicista e produttore di Milano con il quale ho collaborato. La masterizzazione è invece avvenuta al “Massive Arts” di Milano, uno dei più importanti centri musicali in Italia. A livello di musica e arrangiamenti, è un brano pop dance, il genere pop quindi con contaminazioni elettroniche e dance. A livello di testo tratta di un distacco tra due persone con la consapevolezza di proseguire nonostante difficoltà e problemi. E’ un incoraggiamento tutto al femminile di non abbattersi e andare avanti nonostante tutto. Questo singolo mi sta dando tante soddisfazioni; sta avendo riscontro sia dal pubblico che dalle radio.

D: Qual è il messaggio che vorresti il pubblico recepisse da questa canzone?
R:
Come dicevo, mi piacerebbe lanciare un messaggio al mondo femminile di proseguire e andare avanti nella vita, nonostante qualsiasi tipo di ostacolo, di andare avanti perché la vita è imprevedibile e bisogna avere la volontà di superare i momenti più ostili.

D: Credi la tua musica nel corso degli anni abbia subito mutamenti o sia stata influenzata da nuovi generi?
R:
Si, soprattutto ultimamente. Da un anno sono in fase di mutazione, restando però sempre sul genere pop. Ai tempi in cui studiavo lirica risale un brano chiamato “Artica”, un genere pop lirico; poi sono passata al pop rock con “No chains”, e vorrei continuare con le contaminazioni elettroniche e dance, ma sono sempre aperta ai cambiamenti e aspetto di evolvermi anche in futuro.

D: Come la musica ha cambiato la tua vita?
R:
Io non riesco a immaginare la mia vita senza il canto e la musica, che mi hanno aiutato a trovare la forza, la positività e l’allegria anche nei momenti difficili. Da piccola ero molto timida e avevo bassa autostima, ma quando ascoltavo la musica mi trasformavo entrando nel mio mondo, e questo mi ha aiutato anche a superare le difficoltà a livello caratteriale. E’ inoltre un mezzo fondamentale per comunicare un messaggio che può essere recepito da più gente.

D: Ci sono obiettivi che grazie alla musica ti piacerebbe portare a termine? Se si quali?
R:
Si, la mia mente è sempre piena di idee. Mi piacerebbe creare un nuovo album, al quale sto già lavorando, e magari tornare all’estero vivendo un’esperienza come quella del 2015. Amo la lingua inglese, e sarebbe un sogno poter fare un’esperienza simile proprio in Inghilterra. L’ambizione più grande è quella di un tour europeo.

D: Quali sono i progetti che ti vedranno coinvolta a breve?
R
: C’è possibilità che durante la settimana del Festival di Sanremo io possa promuovere il nuovo singolo con delle esibizioni live nelle manifestazioni collaterali. Sto inoltre lavorando per la ricerca di nuovi live nei mesi successivi, e la promozione per radio ed emittenti televisivi.

 

 


Ringraziamo Idhea per la sua collaborazione e per il tempo che ci ha donato, con l’augurio più grande di proseguire in questo suo meraviglioso percorso.

 

Recensione a cura di Stefania Meneghella
Intervista realizzata da Manuela Ratti
Pubblicazione a cura di Roberta Giancaspro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *