d2f29291cd3641a69458e5cead694a07.image!png.530006.png.Image5
Yiruma – The place where the love was born (Il posto dove nasce l’amore)
22 gennaio 2017
Legati nel tempo e nel cielo
Legati nel tempo e nel cielo
27 gennaio 2017

Stilista


Facebook: 
Lafram

 


Hind Lafram ha 23 anni ed è nata in Marocco, ma da sempre ha vissuto a Torino. E’ in Italia da quasi 21 anni insieme alla sua famiglia. Dopo la scuola media, nonostante la passione di disegnare capi di abbigliamento di tutti i generi, ha studiato 2 anni ragioneria per poi trasferirsi e tornare sulla strada del suo sogno: la Moda. Nel 2014 ha creato una pagina su Facebook (per ora in fase di rinnovo) dove condivideva le sue creazioni con le coetanee. Qui scopre che le sue creazioni non erano un surplus ma era un esigenza di una parte di clientela di cui nessuno si era preoccupato a soddisfare. E così ha cominciato a fare qualche capo su misura, su richiesta. Dopo un anno si è diplomata in moda in una scuola statale a Torino. Nel 2016 è stata chiamata a lavorare presso un ufficio stile a Milano per un progetto di una collezione di moda islamica occidentale. Ha partecipato a diversi festival, mostre, eventi moda, eventi bellezza, trasmissioni televisive e interviste delle testate giornalistiche più importanti. Ha sfilato le sue creazioni in eventi Torinesi (come “Il Salone del Libro”) e non. Ha partecipato con le sue creazioni anche in altre città italiane (Roma, Bergamo, rimini, Firenze, Ecc). Ha organizzato e partecipato a sfilate di beneficienza. Ora in parallelo al suo lavoro sta pensando di registrare un marchio, e sta progettando una collezione tutta sua. Un Made in Italy per le musulmane “Made in Italy”.

Oggi è qui con noi, sentiamo cosa ha da dirci!


D: Come nasce la passione per la moda?
R: Ho studiato moda, era un mio desiderio da sempre; dopo due anni di ragioneria ho capito che la mia strada era quella da stilista e ho cominciato così. Ho iniziato a creare e disegnare, creando poi una pagina Facebook nel 2014, per poter condividere una passione con le mie coetanee. Da lì mi sono arrivate delle richieste e ho compreso che il mio non era solo un hobby, ma una vera e propria esigenza.

D: Quali sono gli elementi che non mancano mai nelle tue creazioni e che ti contraddistinguono?
R: Io non ho ancora un gusto definito; sto ancora esplorando il mondo della moda, piuttosto che il mio target iniziale cioè di ragazze musulmane cresciute qua, quindi non ho ancora degli elementi caratteristici. Per una mia linea preferirei uno stile lineare e semplice magari tinta unita, con decorazioni non troppo eccentriche. Attualmente mi muovo in base ai gusti delle persone, quello che mi viene richiesto, consigliando magari delle modifiche.

D: Quali sono le differenze che hai notato tra la moda di altri paesi del mondo e l’Italia?
R: Io sono cresciuta in Italia, non ho mai esplorato altri paesi. Dalle ricerche ho notato che il materiale italiano è migliore; forse la moda di altri paesi segue più le tradizioni, quella italiana è arte pura nata da pensieri e idee e non è legata a tradizioni.

D: Quali sono elementi che ti piace inserire all’interno delle tue creazioni che non è tipicamente della nostra tradizione?
R: Quando penso alla moda penso all’Italia; mi piace dare un effetto visivo ordinato con un senso di eleganza e femminilità senza però essere volgari.

D: Quali sono secondo te gli evergreen, quegli elementi che nonostante il tempo non passeranno mai di moda?
R: Un colore che resterà sempre di moda è il nero, lo amano tanto anche le donne perché snellisce. Credo che la semplicità sia un elemento caratteristico; basti pensare al tailleur classico che è stato col tempo semplicemente riadattato. Le cose semplici non passano mai di moda.

D: Qual è la creazione che più ti è piaciuto realizzare?
R: Ho fatto un abito da sposa/ sera rosso, con ricami tutti fatti a mano ed una gonna molto ampia. Era un vestito che poteva anche coprire ed essere indossato anche con gli uomini; ho creato una mantellina in pendant e un collo molto particolare.

D: Come credi la moda sia cambiata nel corso degli ultimi anni?
R: Credo che la moda stia diventando sempre più locale. Esplorare posti della propria zona e farne elemento caratteristico del proprio marchio, una vera e propria ricerca alle origini. Ci sono anche fashion week più locali che danno la possibilità a stilisti locali di mostrare ciò che conoscono, ma in cui si ha anche la possibilità di vedere cose nuove.

D: Qual è una creazione che non hai ancora realizzato ma sulla quale ti piacerebbe cimentarti?
R: Mi piacerebbe cimentarmi in abiti da sposa più complessi e qualcosa che abbia a che fare con la tecnologia, fondendo ciò che faccio con altri mestieri.

D: Quali sono stati stilisti d’ispirazione per te per la realizzazione delle tue creazioni?
R: Quello che ho realizzato è stato ispirato da Giorgio Armani, per le sue creazioni eleganti che sono rimaste nella storia.

D: Quali sono i tuoi futuri progetti?
R: Attualmente lavoro in un ufficio stile; vorrei rinnovare la mia pagina Facebook e creare una mia collezione ufficiale, non più su misura.


Ringraziamo Hind Lafram per la sua collaborazione e per il tempo che ci ha donato, augurandole di continuare a sorprenderci e a sorprendersi.

 

Presentazione e pubblicazione a cura di Stefania Meneghella
Intervista realizzata da Manuela Ratti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *