Francisco Fragomeni – Cibo è sinonimo di allegria

mirko-bianca-la-musica-e-il-mondo-dei-sognatori-3
Mirko Bianca – La musica è il mondo dei sognatori
2 ottobre 2016
valeria-petruzzelli-il-passato-e-un-campo-di-addestramento-kosmomagazine
Valeria Petruzzelli – Tra sonno e realtà
2 ottobre 2016
Francisco Fragomeni - Cibo è sinonimo di allegria

Personaggio televisivo

Sito Web: Francisco web
Facebook: 
Francisco Fragomeni
Instagram: franciscoweb

 



Lo conosciamo tutti per le sue idee strambe, la sua cucina alternativa, i suoi ingredienti “fuori dal normale”, tutti elementi che racchiudono il termine (da lui coniato) di “Ciccionate”.

Studente fuori sede, ha imparato a cucinare nel collegio per studenti dove risiedeva, sfamando gran parte degli inquilini e dando sfogo alla sua libera creatività. Questo suo nuovo talento l’ha portato fin qui. Lui è Francisco Fragomeni, cuoco divenuto celebre per la sua partecipazione alla trasmissione tv di La7 “I Menù di Benedetta” con Benedetta Parodi e “Detto Fatto” su rai 2 con Caterina Balivo, oltre ad una serie di esperienze in radio, alle sue “Turboricette” in un programma su Comedy Central con i ragazzi del web e alla pubblicazione del libro “Le Ciccionate” contenente 150 ricette esagerate.

Ora lasciamo la parola a Francisco Fragomeni, con l’augurio di continuare a divertirsi e a divertirci con la sua originalissima cucina.


D: Come nasce in te la passione per la cucina?
R: Sono cresciuto nel mondo del cibo, soprattutto dolci, dato che mio zio ha una pasticceria nella mia città. L’impastatrice, il forno gigante, l’odore delle brioches calde o veder nascere una torta sono ricordi forti della mia infanzia. Dopodiché non ho davvero mai cucinato, fin quando ho iniziato l’università. Andando a vivere da solo, mi sono dovuto mettere in gioco con i fornelli e sono riuscito a trasmettere nei miei piatti la mia leggerezza e la mia ironia.

D: Qual è il complimento più bello che uno dei tuoi piatti ha ricevuto?
R: Più che complimenti per i piatti, è tutta una questione di atmosfera generale che si crea nelle cene (tante cene) a casa mia con gli amici. I piatti sono sempre bizzarri, così come la tavola imbandita. Non sono per il “Less is more” in niente, quanto meno per quanto riguarda le cene a casa mia. Tutti restano stupiti e ognuno posta sempre un mio piatto su Instagram. E’ per me un premio implicito.

D: Qual è stato il primo piatto che hai ideato?
R: Il primo piatto che ho ideato di certo non lo ricordo, ma ricordo il primo piatto che ho realizzato in televisione. Era una ricetta virale sul web che nessuno aveva mai osato cucinare: gli spaghetti infilzati nel wurstel. Ci ho messo qualche puntata per conquistare il pubblico: mi guardavano come un marziano.

D: Ti piacerebbe che la cucina un giorno potesse diventare il tuo mestiere?
R: No, mi piace cucinare per gli amici, per un sorriso; la cucina per me è solo divertimento e un momento di condivisione e allegria. Non sono così bravo ai fornelli per pensare di farne un lavoro. Ognuno il suo mestiere: quello dello chef o del cuoco è un lavoro duro che richiede anni di studio e una continua ricerca.

D: Qual è la pietanza che hai preparato a cui sei più affezionato? Perché?
R: Oreo, Marshmallow, Smarties sono gli ingredienti a cui devo dire grazie. Tutti così buoni che difficilmente trovavano impiego in cucina, e invece sono tra i componenti principi del mio libro: oreo fritto, pizza al marshmallow, pancake agli smarties. E’ per questo che oltre ad amarli sono così affezionato. Paradossale anche perché, essendo sempre a dieta, li mangio davvero poco.. solo quando li cucino in qualche modo.

D: Ti piacerebbe cucinare per una celebrity? Se sì, quale? Cosa le prepareresti?
R: Io considero i miei amici celebrity e a casa mia ce ne sono sempre, anche se mi è capitato di ospitare persone famose. Dopo cena, vanno via sempre molto felici. Il mio sogno è però una serata con pizza, birra e patatine fritte con Adele, la cantante. Non so perché ma ho la sensazione che verrebbe fuori una delle serate più divertenti della mia vita.

D: Hai partecipato a “I menù di Benedetta” e “Detto Fatto”. Ti piacerebbe partecipare ad altri programmi televisivi?
R: Ho fatto anche tanta radio e quest’anno ho partecipato con le “Turboricette” in un programma su Comedy Central con i “ragazzi” del web. Ultimamente, a dimostrazione di come si apprezzi la mia simpatia e naturalezza rispetto ai miei “fritti”, sono stato ospite di tantissime occasioni mondane. Tornerò prestissimo in tv ma, non per usare un cliché, non si può dire nulla.

D: Qual è il ricordo più bello da quando ti sei avvicinato al mondo della televisione?
R: Non posso non dire Benedetta. Ho avuto tanti amici tra protagonisti e lavoratori del mondo della Tv negli ultimi tre anni. Sono nate amicizie belle e vere, fatte di  chiacchiere, feste e grandi mangiate. Ma Benedetta è una donna dal cuore d’oro. Uguale sia in Tv che nella vita vera; è la mia “zia” adottiva e ci vogliamo molto bene.


Ringraziamo Francisco Fragomeni per la sua collaborazione e per il tempo che ci ha donato, augurandogli di continuare a sorprenderci e a sorprendersi.

 

Presentazione a cura di Stefania Meneghella
Intervista realizzata da Manuela Ratti
Pubblicazione a cura di Roberta Giancaspro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *