Francesco Arienzo – Raccontare parte di sé

20228545_1632782250066146_2627951309709573117_n
Lina Powder – Come divenire farfalla
23 luglio 2017
20229576_1632845866726451_6664636340690798168_o
Sergio Muniz – Diversi modi di esprimersi
23 luglio 2017
20294091_1637273732950331_1668602832089973420_n

Comico


Direttamente da Italia’s got talent, in cui è arrivato secondo classificato, è oggi nostro ospite Francesco Arienzo, comico emergente che ha conquistato il pubblico per la sua capacità di trasmettere gioia nei cuori di chi ascolta.

Lasciamogli la parola, con l’augurio di proseguire in questo meraviglioso percorso.


D: Chi è Francesco Arienzo nella vita di tutti i giorni? Come ti descriveresti e quali sono le tue passioni?
R: Mi definisco un ragazzo molto timido; amo le storie, il raccontare ed è questo che mi ha condotto alla mia passione per la mia comicità.

D: Quando hai scoperto questo lato comico presente nel tuo carattere? Avresti mai immaginato di arrivare al punto in cui sei ora?
R: Definirei il punto in cui mi trovo ora come punto di inizio, non di arrivo. Mi è sempre piaciuta la mia comicità, mi diverte perché si sviluppa su storie e racconti, e ora ho la possibilità di essere ascoltato di più e di poter comunicare ciò che sento.

D: Quali erano le tue aspettative quando hai fatto il primo provino per Italia’s got talent?
R: Non avevo aspettative, speravo di fare una bella figura e che la mia esibizione potesse piacere.

D: Durante il primo monologo per il provino di Italia’s got talent hai affrontato il tuo rapporto con l’ansia, sentimento molto comune nella vita quotidiana. Quanto parlare di qualcosa che fa parte di te ti aiutato sul palco?
R: Quello che racconto è completamente parte di me anche se estremizzato in parte comica, tutto mi appartiene e racconto me stesso. L’ansia è il sentimento del nuovo  millennio, mi piace parlarne perché penso nessuno fino ad ora lo aveva fatto.

D: Quali sono state le tue prime emozioni quando hai ricevuto il Golden Buzz da Frank Matano?
R: È stato tutto in salita dal punto di vista emozionale. Salle prime risate mi sono rilassato e ho trovato sempre più coraggio, quando fai questo mestiere il riscontro è fondamentale. Quando è arrivato il Golden tutto ha avuto un senso; nella parte delle audition è la parte più significativa.

D: Sei giunto fino alla fine del percorso arrivando secondo. Quali sono le cose più belle che ti hanno detto dopo aver visto entrambe le tue esibizioni?
R: La cosa più bella che mi hanno fatto notare è stata l’evoluzione tra le due esibizioni, si è avvertita una crescita in pochissimo tempo. Ricevere dei complimenti per quello che si fa è sempre gratificante. Io ero timoroso di non essere all’altezza del primo pezzo, ma il secondo a detta di altri è andato anche meglio rispetto a quello presentato alle audition.

D: Quanto ti ha cambiato quell’esperienza?
R: A livello professionale molto perché è un contenitore televisivo che sono stato felice di fare. Nella categoria per cui ho concorso mi sono sentito abbastanza protetto e mi ha permesso di avere più visibilità e lavorare di più, non essendoci molte comici. Fare il mestiere che si vuole è davvero gratificante. È stato emozionante conoscere i concorrenti, e aver avuto modo di conoscere Frank Matano che dopo la trasmissione è diventato un mio amico. Inoltre è stato molto gratificante vedere che le stesse persone importanti che ci sono state nell’arco della mia vita continuano ad essere presenti.

D: Come immagini la tua vita tra 10 anni?
R: Io spero di avere una famiglia e di essere felice dal livello personale. Mi piacerebbe poter continuare a lavorare sotto questo mestiere. Altri obiettivi sono invece quelli di poter migliorare la mia postura andando in palestra; inoltre vorrei sempre migliorare in quello che faccio, potendo quindi ampliare il mio mondo comico.

D: Qual è un sogno che ti piacerebbe realizzare in ambito artistico?
R: Il mio sogno è quello di fare una serie comedy tutta mia oppure un film. Sono dei sogni a cui si può arrivare attraverso costanza e forza di volontà, e spero di poterci riuscire.

D: Quali sono i tuoi futuri progetti?
R: I miei futuri progetti sono di fare le scelte giuste. Ora sto facendo spettacoli e durante l’autunno/ inverno spero di realizzare la tournée tra teatri e club per tutta la penisola con il mio spettacolo; soprattutto mi piacerebbe potermi esibire nelle mie zone con il mio spettacolo.

Ringraziamo Francesco Arienzo per la sua collaborazione e per il tempo che ci ha donato, augurandogli di continuare a sorprenderci e a sorprendersi.


Presentazione a cura di Stefania Meneghella

Intervista realizzata da Manuela Ratti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *