Film e Libri

Kosmomagazine consiglia e recensisce ogni settimana FILM e LIBRI.
La nuova sezione dedicata al mondo del cinema e della lettura!

* Volete ricevere la recensione del vostro libro? Contattate Stefania Meneghella all'indirizzo e-mail: stefaniameneghella@kosmomagazine.it

 

FILM

a cura di Manuela Ratti




LIBRI

a cura di Stefania Meneghella
 
 


Il tema di questa settimana è:

La rinascita






Sfondo: "Il migliore tra i mali"
Autrice: Anna Maria Saponaro


Titolo: Il lato positivo
Regia: David O. Russell Sceneggiatura: David O. Russell
Spesso eventi che sono per noi traumatici ci portano a diventare facilmente più fragili e deboli, come un vaso che si rompe e anche se si aggiusterà non sarà lo stesso più di prima; un cambiamento sarà inevitabile. E’ questo il tema del film Il lato positivo, la debolezza e la conseguente rinascita dei due protagonisti. Pat ha perso tutto: il suo matrimonio è andato in fumo, non ha più una casa e nemmeno un lavoro, cerca di riconquistare la moglie ma tutti i tentativi saranno vani. Tiffany è invece una giovane vedova, che dopo questo avvenimento non si è più impegnata in una relazione, quest’ultima aiuterà Pat se lui la aiuterà a partecipare ad una gara di ballo. Il giorno del ballo sarà quello della rinascita definitiva, in quanto Pat comprende di essere innamorato di Tiffany. I due protagonisti, così, potranno crescere e rinascere insieme.

Volevo solo andare a letto presto di Chiara Moscardelli
Giunti Editore
E' la storia di una donna, ma è anche la storia di un'anima che sente il bisogno di rinascere. Di diventare una persona nuova. La protagonista è Agata Trambusti. Una vita trascorsa rinchiusa nella sua vita stessa, tra pregiudizi e pensieri retrogradi, come in una sfera di cristallo. Cristallo, come l' "Agata", un cristallo a cui sua mamma ha voluto rendere omaggio chiamandola con lo stesso nome. E poi... il rifiuto di innamorarsi, di provare emozioni forti e passioni che lacerano il cuore. Il rifiuto di vivere davvero. Finché... finché nella sua vita non comparirà in maniera del tutto inaspettata un uomo misterioso, che sarà capace di condurla in scene d'azione, omicidi, sensazioni intense, brividi, voglia di fuggire, sentimenti improvvisi. Lotta tra inconsci, lotta in sé stessa: tra cosa provare e cosa dover provare. Il tutto visto con un genere stilistico diverso e umoristico; talmente originale e fresco che sarà impossibile non sorridere dinnanzi a queste pagine. Un libro che porta a riflettere, ma anche un libro che diverte! Una scoperta a ogni parola scritta...


Il tema di questa settimana è:

La famiglia






Sfondo: "Legami"
Autrice: Anna Maria Saponaro


Titolo: Tre all'improvviso
Regia: Greg Berlanti Sceneggiatura: Ian Deitchman, Kristin Rusk Robinson
La famiglia non nasce sin da subito, si sviluppa pian piano con tutte le dinamiche che permettono di crescere insieme; è questo quello che avviene nel film “Tre all’improvviso”. Peter e Alison sono una famiglia che fonda tutto sull’amore, da questo amore nascerà una bambina: Sophie. Un brutto incidente causerà la morte di Peter e Alison, la bambina sarà perciò affidata ai due migliori amici della coppia: Holly e Eric, totalmente inesperti nel ruolo ma che hanno tanto da poter donare. Sarà difficile all’inizio trovare un equilibrio, trovare l’amore, ma ben presto tutti gli ostacoli saranno superati e si creerà una famiglia, una famiglia vera, quella che Sophie sognava

I Malavoglia di Giovanni Verga
In questo celebre capolavoro di Verga, tutto ruota attorno alla tematica della famiglia: dei Malavoglia, appunto. Una famiglia vista, non in modo sacrale, come capita spesso, ma da un'ottica quasi accidentale. Un insieme di peripezie, eventi disastrati, immagini utopistiche e a volte paure. Tutto fa da sfondo a una storia, in cui i personaggi fuggono per poi ritornare, e si sentono quasi sopraffatti dalla penna dell'autore, quasi rinchiusi in una bolla da cui non hanno la forza di uscire. A rendere ancor più evidente questa sensazione è il genere stilistico di Verga, il cui stile è appunto uno stile che opprime, che confonde il lettore, costretto a fare spazio nella sua mente per lasciar entrare gli innumerevoli personaggi che appartengono a una famiglia diversa, una famiglia che quasi incute terrore, e poi si libera nella sua stessa essenza. Un romanzo con una storia originale, ma con uno stile che lascia un segno; un segno diverso, appunto. Quasi strano, di attenta riflessione, di attesa, di equilibrio.


Il tema di questa settimana è:

L'integrazione delle culture






Sfondo: "Abdellah"
Autrice: Anna Maria Saponaro


Titolo: Sognando Beckam
Regia: Gurinder Chadha Sceneggiatura: Guljit Bindra, Gurinder Chadha, Paul Mayeda Berges
L’integrazione è uno dei temi fondamentali del film “Sognando Beckam”. Jess è una ragazza di origini indiane, con alle spalle una famiglia molto legata alle tradizioni ma soprattutto i valori della loro terra di origine, per questo molte volte le scelte della protagonista femminile non vengono condivise dalla sua famiglia. La sua ambizione più grande è diventare giocatrice, ed inizierà praticando questo sport di nascosto dalla sua famiglia. All’interno del gruppo di calcio conosce Jules ben presto sua amica, che la farà subito sentire integrata, come se le differenze tra culture si fossero totalmente annullate e lo stesso avviene con Joe, allenatore della loro squadra di calcio. Coltivando la sua passione Jess insegnerà alla sua famiglia l’accettazione di quello che può essere apparentemente diverso da loro, cercando di accettare tutto, rispettando anche le sue scelte.

The Help di Kathryn Stockett,Mondadori Editore
Il vero protagonista di questa storia è il sogno: di avere un futuro, una possibilità di rinascita, una possibilità di salvezza. Ma soprattutto il sogno di uguaglianza tra i corpi e le anime; è proprio il bisogno di uguaglianza, infatti, a fare da cornice cornice alla trama. Il genere stilistico della Stockett è leggero, così delicato da dare l'impressione di sussurrare dolcemente all'orecchio del lettore parole che sono come piuma che carezzano il suo volto. Eugenia che sogna di diventare scrittrice, e attorno a lei due domestiche di colore. Sarà solo restando unite che cercheranno, attraverso un particolare progetto segreto, di cambiare il mondo rendendolo migliore, trasformandolo sopra ogni cosa in un mondo fatto di parità di diritti, integrazione tra culture, e di diversi corpi in un'unica anima.


Il tema di questa settimana è:

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne




Sfondo: "Jamie"
Autrice: Anna Maria Saponaro

Protagonista del libro Silenzi Messaggeri, Stefania Meneghella
Titolo: Io ci sono
Regia: Luciano Manuzzi
“Io ci sono” è un film basato sulla storia vera di Lucia Annibali, una donna forte costretta in una relazione sbagliata, una relazione che non è mai stata amore; l’unico amore che ne evince è quello per se stessa che la porta finalmente a cambiare. Lucia, giovane e brillante avvocato si fidanza con un suo collega, Luca Varani, un amore dapprima idilliaco ma che subito fa emergere i primi problemi che diventano più gravi soprattutto quando la loro relazione finisce e Luca inizia a perseguitarla, un insieme di ossessioni che porteranno a un evento disastroso: una sera, mentre Lucia torna a casa, le viene gettato dell’acido sul volto da quello che un tempo per lei era stato amore. Una storia che fa comprendere quanto le donne devono amare sé stesse per capire davvero cosa si meritano.

Vicino a te non ho paura di Nicholas Sparks, Frassinelli Editore
Nicholas Sparks affronta per la prima volta una tematica delicata quanto difficile da raccontare: la Violenza sulle donne; lo fa in modo implicito, quasi sospirando. Ciò che si evince particolarmente è l'estrema sensibilità di un uomo-scrittore, la sua capacità di analizzare dettagli personali e psicologici, di descrivere momenti che per una donna diventano Inferno. E' la storia di Katie: un passato da dimenticare, un mostro da cancellare. Ma è anche la storia di un amore nato per salvarla, e per dimostrarle che, nonostante tutto, il mondo può ancora essere bello. Lo stile tipico di Sparks fa da cornice all'intera storia che, cruda e difficoltosa, riesce comunque ad essere leggera, romantica e trasparente. Ciò che colpisce il lettore è proprio l'alternarsi di due generi: il romanzo e il thriller; un'alternarsi che rappresenta la voglia di equilibrio tra il male e il bene, la paura di cadere nel baratro e il desiderio di farcela con le proprie forze. Chi vincerà alla fine?


Il tema di questa settimana è:

Amore e tradimenti




Sfondo: "Ricordando il passato"
Autrice: Anna Maria Saponaro
Titolo: Last night
Regia: Massy Tadjedin Sceneggiatura: Massy Tadjedin
Le difficoltà in amore spesso portano ad un'unica via di uscita, il tradimento, l'unico modo per evadere dall'abitudine e fuggire dai problemi. Nel film "Last night" è questo il tema principale, un legame forse legato solo dalla forza dell'abitudine, che facilmente si è fatto tentare da difficoltà esterne, lasciandosi trasportare dal gioco della seduzione e del mistero. Micheal e Joanna si conoscono al college, ma il loro sentimento sembra essersi fermato, mai evoluto verso quello che poteva divenire, tra nuovi e vecchi incontri le carte del destino saranno mescolate in una scelta che porterà profondi cambiamenti. Resisterà il loro amore o preferiranno il salto nel vuoto?

Le affinità elettive di Goethe
Un romanzo antico, questo di Goethe, ma che ci proietta in attualità sempre più frequenti e in episodi che continuano a specchiarsi con una società sempre mutevole, sempre flessibile. La storia di due coniugi, una famiglia perfetta, un matrimonio quasi da favola, ma che diventerà ben presto alla portata di tutti, oggetto di pettegolezzi, cinismi, perdita della dignità, perdita della libertà. Ad iniziare questo infinito vortice è un tradimento. Non con il corpo, ma con il cuore. Un tradimento dei due protagonisti verso due persone la cui esistenza è alquanto diversa rispetto al loro ordinario stile di vita, gli sguardi puntano verso orizzonti che loro non hanno mai visto, e ogni cosa è fatta di quell'anticonformismo che avevano sempre cercato. Una famiglia perfetta dall'esterno, ma non così perfetta nell'anima dei due, che ben presto si accingeranno a cercare la felicità altrove, in ciò che non sono mai riusciti a scovare, e in ciò che per la prima volta ha portato dentro loro quel briciolo di amore che non avevano mai realmente conosciuto.


Il tema di questa settimana è:

La potenza dei sogni




Sfondo: "Piccoli passi"
Autrice: Anna Maria Saponaro
2005
Titolo: Nata per vincere
Regia: Sean McNamara
Sono i sogni a colorare la nostra vita e renderla densa di significato e il film “Nata per vincere” è la dimostrazione di quanto un grande sogno possa essere determinante per l’esistenza di una persona. Terri Fletcher è una giovane ragazza con il sogno del canto, ostacolata da una perdita che non riesce a superare e un padre che non desidera la sua felicità, la protagonista vuole rinunciare a tutto. Ritrova le forze frequentando una scuola di canto di un mese in una città che non aveva mai conosciuto prima di allora, la scuola di canto non solo farà crescere la protagonista dal punto di vista professionale, ma sarà per lei una vera e propria scuola di vita, durante la quale riuscirà a conoscere meglio anche se stessa e quello che da sempre ha sognato.

Fai bei sogni di Massimo Gramellini
Longanesi Editore
Un inno alla vita vera, questo capolavoro di Gramellini. Un inno all'intensità dei sogni e al loro assoluto potere. Un racconto autobiografico: la storia di un bambino che vede improvvisamente svanire dalle proprie mani quella persona che l'ha portato al mondo. Dopo la morte della sua mamma, per il piccolo Massimo ha inizio una vita difficile e burrascosa, dove l'ombra della donna è sempre presente, facendo da scudo alle sue paure e incitandolo a proteggere i suoi desideri. "Fai bei sogni", gli diceva sempre quando, da bambino, non riusciva ad addormentarsi. Una frase che lo conduce in quel percorso che lo porterà ad essere un uomo, amante e sognatore, incline ai valori importanti, incline alla forza del perdono.