14317505_1306956565982051_3875980154080606008_n
Viaggiare con stile
10 settembre 2016
14212817_1308654779145563_8939419293803591922_n
Sorprese inaspettate
11 settembre 2016

Make-up artist

Facebook: Federica Armieri Makeup Artist
Youtube: 
Federica Armieri
Instagram: federicarmieri


I volti sono i segni di un passato che si rispecchia con il presente, i segni di un sogno che diventa possibilità, i volti indicano chi siamo e chi vogliamo essere. I volti.. e gli occhi.. e tutto ciò che è pelle, tutto ciò che è vita. Tutto… sembra essere importante: ogni minima parte, ogni minimo sorriso, ogni minima espressione.

C’è però un’arte, che spesso si trasforma in essenzialità, un’arte con la capacità di rendere un volto qualcosa di magico, spesso surreale; un’arte la cui esistenza rende lo sguardo un luogo misterioso.

 I volti sono gli sguardi dell'anima Federica ArmierE’ un po’ questo il senso dell’arte di Federica Armieri, truccatrice: i suoi volti assumono aspetti illusori, essendo trasportati in dimensioni inusuali e distanti, e avvertono la sensazione di esprimere desideri e sogni. Attraverso l’arte del Make-up, Federica riesce ad entrare in contatto con l’inconscio del soggetto, fino a trasmettere al pubblico che osserva la sensazione di chi si trasforma ogni giorno in sé stessa. Incarnando personaggi inventati o realmente esistiti, riesce persino ad immedesimarsi totalmente in essi, rendendo l’osservazione del volto un connubio tra opera d’arte e spettacolo teatrale. I volti di Federica sono volti che parlano e che trasmettono, sono volti che hanno sempre qualcosa da dire e che preferiscono farlo mediante sguardi, sorrisi e silenzi. E’ un “trucco trasformista”, il suo, ma che trasporta in una dimensione soggettiva e percepita solo da chi riesce sempre a restare se stesso.
Federica Armieri, da sempre appassionata di Make-Up, dopo anni da autodidatta, all’età di 18 anni decide di trasformare questa passione in professione. Inizia dunque a frequentare un corpo di Make-Up presso una nota azienda e, più tardi, lavora per Diego Dalla Palma, crystal nails, The Body Shop ed altri marchi importanti. Un anno fa entra a far parte, come Make-up artist, nel team della “Charm Hair School” e, quanto prima, prenderà un master presso una delle migliori scuole italiane di Make-up di Roma.

Ora lasciamo la parola a Federica Armieri, con l’augurio più grande di continuare a far parlare volti e sguardi.


D: Come ti avvicini al mondo del Make-up?
R: Amo il Make-up da quando ne ho memoria, non ricordo quando ho cominciato, è stato piuttosto naturale. Forse tutto cominciò a 4 anni quando rubavo alla mia mamma i suoi rossetti Chanel, o quando mi divertivo a truccare le mie compagne durante le gare di ballo. Non lo so come ho cominciato, so solo che la parola chiave di tutto il mio percorso è stata ed è PASSIONE.

D: C’è stata una particolare Make-up Artist che ti ha ispirato? Se si, perché?
R: Mi hanno sempre affascinata le trasformazioni di Johnny Depp. Le sue truccatrici sono fantastiche. I loro Make-up mi hanno ispirata molto nel corso degli anni: mi hanno fatto avvicinare al mondo del Make-up cinematografico.

D: Quale credi sia il trucco che preferisci o che credi si adatta a più fasce d’età o tipologie di viso differenti?
R: Il make-up che si adatta un po’ a tutte comprende un fondotinta con formulazione leggera, mascara, blush per donare un incarnato perfetto, e un rossetto nude.

D: Quali sono le ultime tendenze in fatto di Make-up? Quali sono quelle che preferisci?
R: In fatto di tendenze beauty, i colori predominanti di quest’anno sono certamente il Rosa Quarzo e l’azzurro, colori che personalmente non mi piacciono in particolare e che non si adattano a tutte le tipologie di viso e carnagioni. Non seguo molto le tendenze; in questo senso mi ritengo anticonformista. Il make-up è “sentirsi bene con se stessi”, per questo per me, l’arte del make-up è libero da qualsiasi tendenza.

D: Quale celebrity ti piacerebbe fosse la tua modella? Che trucco realizzeresti per lei?
R: Sicuramente una che rispecchi il mio estro: Lady Gaga. Beh, con lei potrei divertirmi davvero! Inventerei qualcosa di innovativo, qualcosa di mai visto, un make-up che le invidierebbero tutte!

D: Quali sono le differenze che riscontri nel riprodurre trucchi più teatrali e altri magari più giornalieri?
R: Sicuramente i makeup artistici sono più impegnativi e richiedono più tempo ed “impegno creativo”. Mentre quelli giornalieri sono meno macchinosi e risultano quasi più semplici da eseguire.

D: Quali sono le esperienze che più pensi ti abbiano formato in questo campo fino ad ora?
R: Credo che tutta la strada percorsa fino ad ora mi abbia fatto crescere come professionista. Innanzitutto lavorare con grandi aziende tra cui “Diego dalla Palma” mi ha aiutata a confrontarmi con i professionisti del settore. Una delle esperienze più belle è quella di lavorare come Make-up artist in una scuola per acconciatori: mi occupo delle loro modelle durante i servizi fotografici e le sfilate.

D: Come credi che il concetto di make-up sia cambiato nel corso degli anni?
R: Il Make-up è in continua evoluzione. Prima era solo di tipo correttivo e naturale, adesso è estroso ed è cresciuto fino a diventare una vera forma d’arte.

D: Quali credi siano i segreti per ottenere un make-up che possa considerarsi a lunga durata?
R: Vi svelo un segreto: il primer ! Il primer si applica prima del fondotinta e aiuta a far durare il nostro Makeup più a lungo! Si adatta a tutti i tipi di pelle. Ormai ce ne sono di tutti i tipi: levigante, regolatore, illuminante. Esistono primer per zone specifiche come occhi e labbra, per far durare di più anche ombretti e rossetti. Per un Make-up a lunga durata sono importanti anche i prodotti waterproof e long lasting.

D: Qual è il sogno che vorresti realizzare?
R: Vorrei poter girare il mondo facendo il mio lavoro, il più bello del mondo. Ho ricevuto tantissime soddisfazioni, ma crescendo professionalmente, ne arriveranno altre.


Ringraziamo Federica Armieri per la sua collaborazione e per il tempo che ci ha donato, con l’augurio di più grande di continuare a far parlare volti e sguardi.

 

Recensione a cura di Stefania Meneghella
Intervista realizzata da Manuela Ratti
Pubblicazione a cura di Roberta Giancaspro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *