Federica Abbate-Quando un desiderio diventa realtà

Foto Servida_sito
Alessandro Servida- Un sapore di innovazione e tradizione
20 marzo 2019
_DSC9303
Indiferenti- Il cuore va dove la musica conduce
6 aprile 2019

Cantautrice e cantante

Facebook: Federica Abbate

Federica Abbate 3

 

Federica Abbate è una delle giovani più apprezzate nel mondo della musica, sia per quanto riguarda la scrittura, ma apprezzata anche come cantante. Si contraddistingue per la sua musica sempre sincera, ma allo stesso tempo speranzosa, che racconta la volontà di non arrendersi, combattendo per ciò che si reputa importante. Nel giro di un anno Federica è diventata una delle artiste emergenti più seguite d’Italia: oltre 65.000 ascoltatori mensili su Spotify (con oltre 2 milioni e mezzo di stream per il suo primo EP) e più di 2 milioni di views su Youtube. Non solo: il pubblico ha potuto conoscerla, apprezzandone talento e personalità, in parecchi e prestigiosi appuntamenti dal vivo: dalla serata a lei dedicata da Rockit durante la Milano Music Week fino al primo live al Miami; dall’esibizione al Pitti Uomo passando per il Giffoni Film Festival, al Wired Next Fest di Firenze e al Wind Summer Festival che l’ha vista trionfare nella categoria giovani con il brano “Pensare troppo mi fa male”, fino a Sanremo Giovani dove ha vinto il premio della critica con il brano “Finalmente”. Ha aperto da poco un concerto di Alessandra Amoroso dove ha presentato il suo ultimo singolo intitolato “Quando un desiderio cade”, e numerosi progetti le aspettano, con la musica sempre al primo posto.

Lasciamo la parola a Federica Abbate con l’augurio di proseguire in questo meraviglioso percorso.


D:Come nasce la tua passione per la musica?

R:Ho sempre sognato di vivere di musica. È stata una passione nata all’improvviso grazie a un pianoforte che c’era a casa. Ho iniziato a suonarlo già a tre anni da sola, una mattina. I miei genitori mi hanno chiesto dove avessi imparato a suonare e io ho indicato la televisione. Avevo questo strano dono che poi ho scoperto essere l’orecchio assoluto, per cui riproducevo quasi in automatico le cose che ascoltavo.

D: Raccontaci del tuo primo ep contenente tra gli altri brani, “Finalmente”, il singolo che ti ha permesso la vittoria del premio della critica sul palco di Sanremo Giovani?

R:Nell’EP “In foto vengo male” racconto il mio mondo con estrema schiettezza e sincerità, evidenziandone punti di forza e parti sbagliate. Dopo anni passati a scrivere per altri artisti per me è nato un estremo bisogno di esprimermi e di raccontare me stessa in una forma profondamente personale, onesta e viscerale, senza vergogna e senza filtri esponendosi così in prima persona.
Alla fine chi di noi almeno in qualche foto non viene male!?
Finalmente non è incluso in questo EP, ma è il brano che è uscito subito dopo.E’ una dichiarazione d’indipendenza: da chi non ci vuole bene; da chi non ci vuole insieme; dal giudizio degli altri; da chi ci vuole cambiare; da chi non ci ha capito. È la forza di reagire nonostante tutto e tutti per realizzare se stessi e i propri sogni.
È la gioia, dopo tanto mettersi in discussione e dopo tante battaglie, di avere capito cosa si vuole veramente.

D: Questo brano è stato presentato sul palco in occasione di un concerto di Alessandra Amoroso, il 10 marzo. Cosa ha rappresentato per te cantare questo brano e presentarlo già ad un pubblico molto vasto?

R:Sono stata felicissima di aver ricevuto l’invito di Alessandra! Per lei ho scritto, tra le altre, l’ultimo suo brano “Dalla tua parte”. Quello che più mi colpisce di Alessandra sono la gioia, l’amore, la semplicità e l’energia che mette quando canta e che invadono letteralmente tutto lo spazio circostante.La ringrazio per rendermi parte di questo incredibile tour, di darmi l’opportunità di incontrare la sua bellissima big family e coinvolgermi in questa meravigliosa manifestazione di amore! E a proposito, ci vediamo il 3 maggio a Roma!

D:Quali sono i tuoi futuri progetti?

R:Nuova musica e nuovi appuntamenti dal vivo… stay tuned.


Ringraziamo Federica Abbate per la sua collaborazione e per il tempo che ci ha donato, augurandogli di continuare a sorprenderci e sorprendersi.

Intervista realizzata da Manuela Ratti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *