20994119_1409625362490657_5459395221113148009_n
Creazioni piene d’amore
7 gennaio 2018
2 colore
Luca Pacioni- Un amore incontrollabile ed essenziale
13 gennaio 2018
Cover_40_b

Cantante 

Pagina Facebook:Andrea Paone


Quando siamo davanti al nostro sogno lo capiamo subito diventiamo diversi, è come se assumessimo una nuova luce, è come riscoprirsi, è sorprendersi. E’ stato così per Andrea Paone quando si è avvicinato al mondo della musica.
Andrea Paone 3_preview

“Me lo ha chiesto io”, in rotazione radiofonica da venerdì 20 ottobre, è il nuovo estratto dopo il precedente singolo “Sale”.Il brano è accompagnato da un videoclip, uscito in anteprima su L’Espresso, che vede alla regia Daniele Spada. Andrea Paone nasce un 21 Aprile del XX Secolo nell’hinterland Milanese. Durante l’infanzia e il periodo della scuola capisce di essere un ribelle romantico, repellente agli standard e incline a uscire dagli schemi. È un creativo che esprime fin dai 14 anni se stesso attraverso le sue canzoni. A 19 anni entra in uno studio di registrazione e coltiva l’amore per la musica con la speranza che questa diventi una professione. A 20 intraprende un’attività in ambito industriale che gli dà soddisfazione ma “la vita – dice – è qualcosa di più”. È da questa presa di coscienza che inizia una fase di transizione. Andrea si mette a dipingere, prova a coltivare un orto che lo riconnette alle sue radici, scrive un libro denso delle sue verità e riscopre la musica.  “Passando di fronte al pianoforte – racconta – gli ho tolto la polvere e mi sono fermato a colloquiare con lui. In quell’istante il tempo e lo spazio sono cambiati ed io sono diventato parte di qualcosa che sono sempre stato ma che dormiva dentro di me. Dopo poco io e ‘Sale’ (uno dei brani del cantautore che ha avuto forte eco su Youtube e che fa parte della tracklist di ’40’) siamo usciti da quella stanza, con il cuore colmo di me e una vita nuova che impetuosa si è schiusa davanti ai miei occhi”. Una vita nuova che ora batte il ritmo di questo album senza dubbio da ascoltare e di un libro denso delle sue verità (“La mia verità, esperienze di un uomo nato di recente”, Ed. Le due Torri).

 

Lasciamo la parola a Andrea Paone, con l’augurio di proseguire in questo meraviglioso percorso.


D: Come nasce la tua passione per la musica?
R: La musica è stato il mio primo amore e mi ha semrpe accompagnato. Scrivo canzoni da quando ero un ragazzino, nel momento in cui mi accorsi semplicemente che mi veniva naturale farlo

D: Quali sono le tue influenze musicali e gli elementi che secondo te ti contraddistinguono come cantante?
R: Ho sempre amato ascoltare ogni genere di musica. Forse per questo ritengo di saper essere abbastanza eclettico cercando di dare ai brani vestiti sempre nuovi gicando con vari stili musicali.

D: Cosa ci racconti in merito al tuo ultimo album intitolato “40”?
R: E’ un album importante perchè sono riuscito, insieme ad Ettore Diliberto che lo ha prodotto, a renderlo come sognavo, autentico. Contiene 12 brani molto suonati e che attraversano diversi mondi sonori. Credo abbia il pregio di essere un album da ascoltare nel suo insieme senza avere per forza come riferimento un singolo.

D: C’è una canzone presente nel tuo album alla quale sei maggiormente legato? Perché?
R:“Whisky con le fate” credo abbia un pò tutti i colori della mia espressività. E’ un brano molto introspettivo ma che credo riesca comunque a raggiungere il cuore di chi lo ascolta

D: Cosa ci racconti in merito al tuo singolo “Me lo ha chiesto io”?
R:  Racconta in modo semplice ed immediato il momento in cui ci si guarda allo specchio scgliendo di osservare ed ascoltare quello che il nostro Io più autentico ci sta chiedendo.
Parla di quanto sia utile raccontarci la verità sui noi stessi.

D: Cosa vorresti la gente comprendesse di te da questo album?

R:Le mie canzoni parlano ovviamente delle mie esperienze, del mio modo di vedere la vita. Quelle scelte per questo album parlano molto di evoluzione personale, di crescita.

D:  C’è un tema che ti piacerebbe trattare in una tua futura canzone?

R: Normalmente il tema di un mio brano non è premeditato…stiamo a vedere cosa succede.

D: C’è una collaborazione o un sogno nel cassetto?

R:Vorrei avere l’opportunità di scrivere brani anche per altri artisti , ci sono molti eccellenti interpreti che però non sono autori ed io sento di poter coltivare una buona sinergia con loro.

D: Come immagini la tua vita tra 10 anni?

R: E’ probabilmente uno spazio di tempo troppo lungo per pianificare…certamente starò in compagnia della musica

 D: Quali sono i tuoi futuri progetti?

R:Per ora vorrei far ascoltare molto l’album e quindi mi sto dedicando alla promozione. Sulla mia pagina fb potrete trovare ogni aggiornamento circa appuntamenti e date


Ringraziamo Andrea Paone per la sua collaborazione e per il tempo che ci ha donato, augurandole di continuare a sorprenderci e a sorprendersi.

 

Intervista realizzata da Manuela Ratti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *