Coltivare l’autenticità

marika
L’amore digitale
19 febbraio 2017
E' solo ad occhi chiusi che si vede il mondo
E’ solo ad occhi chiusi che si vede il mondo
26 febbraio 2017
diversità kosmo magazine

di Marika Carolla



Edward  Estlin  Cummings poeta e scrittore statunitense ha scritto:

“Essere nessun altro all’ infuori di se stesso in un mondo che fa il suo meglio , giorno e notte, per renderti tutto fuorché  te stesso significa combattere la battaglia più dura che un essere umano possa intraprendere, e non smettere mai di lottare.”

Oggi, come allora,essere se stessi è una grande lotta interiore e sociale. Piacere all’Altro si presenta una prerogativa fondamentale del genere umano. L’uomo desidera da una parte: essere accettato e integrato; dall’altra teme la discriminazione e l’isolamento. Vivere all’interno di una comunità , presenta notevoli e quotidiani ostacoli che neppure il più savio tra gli uomini è capace di definire. I tempi e le persone mutano di continuo “obbligando” quasi, una adesione per tale processo in divenire. A causa di queste circostanze , l’uomo “fragile” è disposto a fingere, indossando abiti diversi e infinite maschere. Il peso dell’autenticità quanto costa? Possedere forme floride,non essere appassionato ad alcuno sport , non seguire le ultime tendenze della moda, non conoscere le serie televisive più amate che effetti produce?

La risposta  è semplice, ma pungente : “La solitudine”. Si è così giudicati, sulla base di informazioni superflue dei disadattati . Come se essere una quarantotto fosse un reato, non tifare per una squadra fosse da “femminucce” , non essere attirati  dalla tecnologia fosse da vecchi. Tutto ciò che non si adegua alla norma spaventa e desta preoccupazione. Si preclude , in questo modo, la possibilità di aprirsi e conoscere altro. Eppure si continua ad  utilizzare la parola diverso, a guisa di nuovo e interessante. E’ quindi, opportuno sottolineare, come tale sostantivo abbia assunto un significato improprio. Basta guardarsi intorno per osservare, senza l’ausilio di lenti speciali, che il mondo è vario. E’ uno spettacolo straordinario che mette in scena persone, lingue, paesaggi e  animali diversi, che convivono da miliardi di anni. Bisogna ricordare che la vera forma di pericolo, è rappresentata dalle “barrire mentali”.

Quindi : “Diverso da ….”  dovrà essere considerato un apprezzamento non un insulto.

 

Articolo realizzato da Marika Carolla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *