Artikolo 3 – Naturalmente attratti

teresa-ciabatti-1
La sconfitta segna, la sconfitta insegna
11 luglio 2017
20106292_1628529657158072_1713361654970643093_n
Leonardo Lamacchia – Ciò che resta della musica
19 luglio 2017
20023855_1628528020491569_3036975178867145708_o

Attori


Facebook: 
Artikolo 3


Direttamente da Italia’s got talent, gli Artikolo 3 (Claudio Collano, Lucio Provenza e Francesco Ronca) hanno subito conquistato il pubblico per le loro originali interpretazioni.

Li abbiamo incontrati con molto piacere, e hanno risposto ad alcune nostre curiosità. A loro la parola!

D: Come nasce la vostra passione per la recitazione?
R: Ognuno di noi ha coltivato questa passione sin da bambino. Claudio era stimolato dalla carriera dello zio Gianni Mauro, cantautore dei ” Pandemonium”, ma l’amore vero e proprio è nato grazie agli insegnamenti di Sergio Solli. Francesco, invece, ha coltivato la sua passione grazie alle commedie di Vincenzo Salemme. Lucio per emulare il nonno che era un promettente attore che lavorò con Barbare Buscè, Franco Franchi, Steno ecc … ma che per amore della moglie preferì l’amore alla carriera e trasferì su Lucio le sue aspettative.

D: Quali sono i modelli ai quali in passato vi siete ispirati, e che ancora oggi sono dei punti di riferimento dal punto di vista della recitazione?
R: Pur provenendo da esperienze diverse, abbiamo trovato un punto di sintesi in Artikolo3. Più che modelli di riferimento, ci piace guardare ammirati i nostri soci irraggiungibili come la smorfia, i fratelli de Filippo e il principe della risata.

D: Quando avete deciso di unirvi formando gli “Artikolo 3” è stato inizialmente difficile trovare un equilibrio tra i vostri tre talenti?
R: Abbiamo caratteri e caratteristiche completamenti opposti, e come la fisica insegna: ci siamo naturalmente attratti.

D: Quali sono gli elementi che secondo voi contraddistinguono il vostro trio?
R: Sicuramente ci ha aiutato l’idea della recitazione in sincro con rivisitazioni e mash-up tra opere di epoche diverse.

D: Parlando di Italia’s got talent, quali erano le vostre iniziali aspettative in merito?
R: L’azzardo di esordire con l’opera più popolare di Totò nell’anno del suo 50esimo, ci creava molta ansia. Ci ha molto aiutato l’immediato riscontro positivo ricevuto dagli autori del programma. I 4 SI e la standing ovation sono stati il coronamento di un sogno.

D: Da cosa è nata l’ispirazione di quell’esibizione?
R: Il nostro obiettivo era quello di presentare il nostro particolare modo di rimodulare e interpretare testi antichi e moderni ed essere quindi riconoscibili.

D: C’è un tema che vi piacerebbe fosse quello principale per un vostro spettacolo? Se si, quale?
R: Di base, il tema è l’attenzione al sociale, tentiamo di proporre delle riflessioni su aspetti di ordine comune e quotidiano da cui ci si distrae e ci si sottrae facilmente.

D: Qual è il vostro sogno più grande?
R: Poter vivere di questa passione.

D: Come immaginate la vostra vita tra 10 anni?
R: Di essere più giovani e più entusiasti di adesso.

D: Quali sono i vostri futuri progetti?
R: Questa estate siamo in tour con ” MASH-APP “. Uno spettacolo interamente scritto da noi. Inoltre ci piacerebbe continuare ad ideare e realizzare spot sociali sullo stile di “The whale lives ” pubblicato a maggio 2017.


 

Ringraziamo gli Artikolo 3 per la sua collaborazione e per il tempo che ci hanno donato, augurando loro di continuare a sorprenderci e a sorprendersi.


Intervista realizzata da Manuela Ratti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *