Arte: un amore da coltivare. Premio Virgilio “Artista nella storia”

A chi ha ancora il coraggio di amare
A chi ha ancora il coraggio di amare
9 agosto 2016
L'amore in vetrina
L’amore in vetrina
10 agosto 2016
Premio virgilio


 

Sono tante le cose che rendono il mondo bello unico e speciale, una tra queste è sicuramente l’arte. Quest’ultima, infatti in qualsiasi forma sia riesce a comunicare e a trasmettere molte più emozioni di quelle che riusciamo ad esprimere con le sole parole. Una rappresentazione artistica, un componimento poetico, una composizione musicale, una danza permettono attraverso semplici gesti o un’osservazione approfondita non solo di comprendere gli stati d’animo del soggetto che ha messo in mostra le sue doti ma soprattutto di poter provare le stesse sensazioni da lui stesso vissute. Nostalgia, libertà, spensieratezza, gioia, malinconia, felicità tutto può essere concentrato in una forma artistica così misteriosa ma al tempo stesso così chiara, e tutto rimane lì le nostre emozioni, le nostre sensazioni. Così. Immobili, incantevoli.

E’ per questo che l’uomo ancor prima della comunicazione con altri esseri viventi ha sperimentato dapprima forme artistiche inizialmente più primitive poi sempre più evolute e complesse ma con lo stesso fondamentale scopo, quello di donare una parte di noi agli altri, permettendo loro di provare sensazioni nuove, sensazioni che non hanno bisogno di parole, sensazioni che non devono essere spiegate, ma semplicemente guardate con gli occhi e la mente e ascoltate con il cuore. E’ questo il bello dell’arte: potersi immergere completamente in nuove storie, guardare con occhi sempre curiosi, sempre nuovi, aprire il proprio cuore a nuove emozioni del tutto inedite, e raccontare la bellezza di queste storie, di queste emozioni e essere pronti a riscoprirle e a riscoprirsi.

 

Se si dovesse descrivere la parola “arte” con un’unica parola credo che la più appropriata sia: magia. Perché il potere di comunicare e donare è il più bello che ci possa essere. Sentirsi liberi di essere se stessi senza alcun freno, senza alcuna inibizione, solo con un pennello, una penna o uno strumento musicale riuscire a trasmettere e donare vita.

 

Vita vera.

Vita che si trasforma.

Vita in continua rinascita.

Vita in continua crescita.

Vita che non muore mai.

Vita dal cuore infinito da un’anima immensa e dagli occhi profondi.

L’arte è uno degli incanti più belli presenti in questa terra è perciò indispensabile far si che essa possa sempre risplendere. Eventi come il Premio Virgilio permettono che questa bellezza possa essere sempre possibile. Il “Premio Internazionale d’Arte Virgilio – Artista nella Storia.” prende origine dal grande poeta latino Virgilio, al quale è stato dedicato quest’importante onore ed omaggio. Evento organizzato dall’associazione culturale “Arte74” presieduta dal professor Giuseppe Maci) per festeggiare il decennio di attività. Il premio si è svolto sabato 17 ottobre 2015 dalle ore 17 alle ore 20, nel palazzo cinquecentesco che ospitava il Convento di Santa Chiara. Sono confluite in questo importante giorno tutte le forme artistiche con esponenti provenienti da tutto il mondo. Poesia, pittura, grafica, scultura, musica danza, teatro, cinema e fotografia, forme artistiche così differenti tra loro, ma allo stesso tempo così fondamentali per la crescita e lo sviluppo della cultura. Ad aprire la kermesse è stata la professoressa Titti Mastria (Dama dell’Arte del Mediterraneo), che si è esibita nello spettacolo di action painting “Arte in Movimento”, tra i partecipanti, invece, l’attrice Ilona Staller, che ha esposto i suoi quadri. Ospiti d’onore per una serata così eccezionale ospiti d’onore Flavia Pennetta e Tito Schipa Jr. Alla prima sarà assegnato il premio per lo sport, vincitrice negli US Open di New York, Tito, invece, figlio dell’illustre tenore, che ha contribuito alla realizzazione del Monumento al Marinaio d’Italia a Brindisi. Inoltre all’interno di quest’evento vi è una mostra che sarà aperta fino al 25 ottobre con tutte le opere presentate.

 

Camus scriveva “ Se il mondo fosse chiaro, l’arte non esisterebbe. “L’arte è infatti capace di rivelare la verità e le sensazioni più recondite molto meglio di qualsiasi altra cosa presente nell’universo.

 


Articolo realizzato da Manuela Ratti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *