Andrea Candolfo- L’amore ha il profumo di mani che si sfiorano

41416275_1811348602318798_808012583943536640_n
GTO- Sincerità musicale
15 settembre 2018
36283407_10211785642060626_2899052463229239296_n
Francesca Musci e Stefano Protaggi- Amore a prima vista
24 settembre 2018
Andrea Canfoldo 4

Cantautore

Pagina facebook: Andrea Candolfo


AndreaCandolfo2

Qualche mese fa lo abbiamo conosciuto in un’altra intervista che ha rilasciato per noi, in occasione dell’uscita del suo ep, del quale oggi ci presenta il nuovo estratto intitolato “Come il profumo delle tue mani”. Andrea Candolfo è un cantautore dall’animo romantico e gentile, che cerca attraverso la sua musica di infondere un messaggio di speranza e di positività a coloro che le ascoltano. Un cantautore che da molto peso all’importanza delle parole, e le sue canzoni hanno sempre una nota che le contraddistingue.

Lasciamo la parola ad Andrea Candolfo con l’augurio di proseguire in questo meraviglioso percorso 

D: Ciao Andrea. Ci siamo sentiti qualche mese fa per un’intervista. Cosa è cambiato da allora?

R:Da allora l’album sta andando molto bene e da gennaio ad oggi ho deciso di uscire con il nuovo singolo “Come il profumo delle tue mani”, e credo che sarà l’ultimo singolo estratto dall’album, ma mai dire mai. Ho continuato a fare la mia promozione e produzione, durante l’estate ho fatto molti live.

D:  Qual è un sogno non ancora realizzato che vorresti potesse avverarsi?

R:Vorrei che la mia musichi arrivi più lontano possibile,magari al di fuori dell’Italia. Con i social è più semplice ho persone straniere che mi seguono, ma vorrei la mia musica potesse arrivare maggiormente anche lì.

D:Da cosa parti quando scrivi una canzone? Da cosa attingi ispirazione?

R:La stesura di una canzone è un processo particolare; non mi siedo mai a tavolino programmandola, ma nasce di getto. Io parto scrivendo la melodia, suonata o al pianoforte o alla chitarra; i momenti in cui sono più ispirato sono la mattina e la sera, e registro la base sul telefono per poi poterla mandare al mio arrangiatore e al mio produttore. Successivamente mi dedico invece ad un testo che si possa ben adattare alla melodia.

D:Raccontaci invece del tuo ultimo singolo “Come il profumo delle tue mani”, che come ci svelavi nella precedente intervista è uno dei brani preferiti della tua piccola nipotina, ma anche tuo

R: Rispetto agli altri brani “Come il profumo delle tue mani”, è un brano più ballabile e romantico. Ho fatto una scelta che mi dettava il cuore, andando anche contro i canoni della musica moderna. Un lato che apprezzo di questa canzone è la musica perchè è un brano un pò elettronico, ma sopratutto orchestrale.

D: Quanto credi che il messaggio presente nella tua canzone sia presente nella vita quotidiana e nella società attuale?

R: Apparentemente il brano può sembrare banale, perchè è il valore che si attribuisce oggi all’amore. Io invece credo sia diverso, l’amore è esserci sempre e saperlo dimostrare, come scrivo in questa canzone “Ci sarò come se non ci fosse un domani”.  C’è inoltre l’accostamento col profumo delle mani che è una delle cose più belle in una coppia, e il tutto viene avvolto da questa melodia di archi.

D:  Qual è un messaggio che vorresti arrivasse al pubblico attraverso la tua musica?

R:Spero di poter donare speranza, di riuscire a trasmette voglia di andare avanti e di non arrendersi, credere nei sogni e provarci fino in fondo seppur sconfitti, non farlo per paura potrebbe essere un errore. Vorrei far tornare la voglia di amare.

D:  Ci sono futuri singoli o dischi in progetto?

R: Io lavoro sempre, iniziai già da quando terminai l’ep. Non scrivo un album a tavolino, me ne accorgo quando ho dei pezzi che funzionano tra di loro e penso di raggrupparli insieme. Ho il telefono pieno di idee, io e il mio autore abbiamo tanti singoli nel cassetto, inoltre vorrei scrivere un singolo per un altro interprete.

D:   Come immagini te e la tua musica tra 10 anni?

R:Il mondo sta andando, per me, in una direzione sbagliata musicalmente. Vedo la mia musica fuori dagli schemi, io sono più cantautoriale e vedo che questo aspetto si è perso. Ascoltando molta radio, mi accorgo che ci sono canzoni che magari dureranno un anno e poi scompaiono, mentre ricordo canzoni di anni passati che sono ancora oggi attuali. Io spero la musica cambi, non perché non mi piace ciò che ascolto, ma vorrei che ognuno facesse quello che gli riesce. Non so come immaginare la mia musica tra 10 anni proprio perchè l’idea di musica in questi anni è cambiata, infatti credo bisognerebbe riorganizzarsi sotto questo aspetto.

D: Hai mai considerato l’idea di partecipare ad un talent?

R: Il mio percorso credo sia diverso dai Talent. Non mi vedo ad interpretare canzoni di altri essendo io cantautore vorrei prendere una strada diversa, ma “mai dire mai” come dico sempre. Non sono contro i Talent, però non credo siano consoni al tipo di percorso che ho in mente per me.

D: Quali sono i vostri futuri progetti?

R:Mi piacerebbe scrivere per altri; sarei curioso di ascoltare un mio brano cantato da un’altra voce. Mi piacerebbe dare una mano a qualcuno, anche se non sono famoso da poterlo fare, ma la musica è la mia vita quindi lo farei con piacere. Infine, come ho detto prima, ho tante nuove idee da poter realizzare per futuri singoli per un nuovo album!

Intervista realizzato da Manuela Ratti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *