Alla ricerca del gusto

La fede nel cuore
La fede nel cuore
12 febbraio 2017
Parole che vanno al di là delle pagine
Parole che vanno al di là delle pagine
12 febbraio 2017
Alla ricerca del gusto


Uno degli elementi più importanti che costituisce il matrimonio è sicuramente il menù, fattore determinata per la buona riuscita o meno dell’evento, è l’unica cosa che non deve basarsi sul gusto personale degli sposi, al contrario deve accontentare tutti. Il primo requisito fondamentale è che si adatti a tutto lo stile scelto e di conseguenza sia in linea con la location scelta. In base alla location scelta sono differenti le proposte che vengono offerte: se il ricevimento si svolge in un agriturismo i cibi saranno più genuini e non si baderà all’estetica delle piccole porzioni, al contrario se il matrimonio si svolge in una sala ricevimento, in una villa o un castello il menù sarà diverso, composto da pietanze ben più sontuose ed elaborate, per questo in casi del genere è meglio calibrare le scelte per accontentare tutti i palati. Altro fattore che conta è la stagione in cui la cerimonia si svolge, è importante, infatti che vi siano prodotti di stagione, i menù sono generalmente composti da: aperitivo di benvenuto, due primi piatti solitamente uno di terra e un di mare, secondi piatti che possono essere a base di pesce o carne seguiti dai contorni,  a scelta vi è il tavolo dei dolci e infine la torta nuziale, accompagnata da champagne o spumante pregiato. L’elemento che deve condurre ciascuna delle scelte del grande giorno deve essere il budget, anche con un budget più economico si può comunque raggiungere un ottimo risultato. I menù cambiano anche in base all’ora del banchetto, di solito non viene offerto lo stesso menu in un matrimonio realizzato di giorno di un matrimonio realizzato di sera, poiché esistono ricette più appropriate per una cert’ora d’altri, menù più abbondanti sono preferibili per le cerimonie mattutine, al contrario piatti più leggeri sono consigliabili per la sera. Il cibo inoltre deve essere coerente con la location scelta, per un posto di mare è coerente la scelta di pesce, come per la montagna lo è la carne, il menù sarà più tradizionale se la linea che si segue è quella classica, più all’avanguardia, invece, se si usano tocchi originali all’interno dell’evento. Per un matrimonio con un ristretto numero di invitati si può anche decidere di fare un menù a buffet, contrariamente se gli invitati sono tanti è sconsigliato per la fila che si dovrebbe fare per attendere il proprio pasto. Prima di prendere qualsiasi decisione è bene consultarsi su internet o con persone già sposate, e visitare numerose location per essere convinti della scelta fatta, cercando allo stesso modo di personalizzare i menù anche con i propri gusti finchè non si è completamente sodisfatti, bisogna considerare se tra gli ospiti ci sono vegetariani, celiaci, con ipertensione, diabete, intolleranti al glutine, al lattosio o che soffrono d’allergie a qualsiasi cibo, e anche i bambini che prediligono le cose più semplici quindi l’ideale è un’unica portata solo per loro come una pizza, una cotoletta o delle crocchette di pollo. Inoltre, si potrebbero creare zone con cibi provenienti da zone differenti, e nell’aperitivo è consigliabile inserire bevande analcoliche per coloro che non gradiscono l’alcool. Una festa non fatta solo di balli, divertimento e amore ma anche di ottimo cibo. 


Articolo realizzato da Manuela Ratti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *