Alessio Mininni – Il calore delle note

Ph. Laura Penna
Chiara Gamberale – Tuffarsi nel Niente per diventare Qualcosa
12 marzo 2017
17264207_1884363231775757_962791958948501442_n
Chiara Parenti – “La voce nascosta delle pietre”
19 marzo 2017
17201306_1493338930677146_7442827197463216037_n

Cantante

Facebook: Alessio Mininni


17201306_1493338930677146_7442827197463216037_n


Alessio Mininni conosce la musica all’età di 10 anni; da allora suona, scrive e compone canzoni. Si diploma al Liceo Musicale e attende di ultimare i suoi studi presso il Conservatorio. Nel 2016, per puro caso, decide di partecipare ai provini di “Amici di Maria De Filippi”; inaspettatamente, entra nella scuola conquistando pienamente tutto il pubblico. L’abbiamo incontrato, e ci ha risposto ad alcune curiosità.

Lasciamo la parola ad Alessio, con l’augurio più grande di proseguire in questo meraviglioso percorso.


D: Come nasce la passione per la musica?
R: La passione per la musica nasce all’età di 10 anni, quando mio padre decide di acquistare una chitarra classica per gioco, senza sapere che il gioco sarebbe diventato una passione.

D: Decidi di fare i casting per l’ultima edizione del talent di Canale 5 “Amici”. Cosa ti ha spinto a parteciparvi?
R: In realtà è stata una cosa improvvisata; ho fatto i provini molto tardi e ho deciso tutto alla fine. Ci ho voluto provare, non pensavo di entrare né tanto meno di superare il primo provino. Avevo già fatto l’iscrizione in conservatorio e stavo cercando un lavoro per pagarmi gli studi, ma i piani sono cambiati dopo il primo provino che è andato a buon fine.

D: Quali erano le tue emozioni durante le prime fasi dei casting?
R: Ero molto emozionato, salire su un palco davanti a gente che ho sempre visto in T, era uno strano effetto. C’era molta adrenalina, voglia di mettersi in gioco, ma anche molta ansia.

D: Quali erano le tue iniziali aspettative?
R: Non avrei mai immaginato di superare tutti gli step, ero pronto mentalmente ad uscire al primo; poi pian piano le cose sono cambiate, forse c’erano delle speranze…e alla fine sono entrato.

D: Qual è il ricordo più bello che ti porti dopo questa esperienza?
R: Il ricordo più bello sono i fans. Il pubblico che grida il tuo nome durante le puntate, che ti sostiene, ti da un motivo in più per giocarti quel minuto di esibizione. Un bellissimo ricordo anche è stata la lezione con Fabrizio Moro, la prima lezione dove abbiamo lavorato sul mio inedito.

D: Durante una delle ultime registrazioni abbiamo visto la tua eliminazione. Come hai vissuto quel momento?
R: Ho cercato di vivere quel momento al meglio, senza preoccupazioni o rimpianti; ho preso tutto quello che c’era da prendere di positivo e l’ho portato via con me.

D: In cosa credi le esperienze fatte all’interno della scuola ti possano aiutare per il tuo futuro?
R: Credo che mi possano aiutare tanto perché ho avuto una bella visibilità per 4 mesi, ho fatto delle fantastiche lezioni di canto con i vocal coach che mi hanno aiutato molto, quindi fuori di qui penso ci siano più sbocchi lavorativi ora.

D: Quali sono gli obiettivi che vorresti portare a termine in ambito musicale? C’è un sogno che ti piacerebbe realizzare? Qual è la tua aspirazione più grande?
R: Un disco con dei miei inediti, una laurea in conservatorio e magari anche della gente che mi segua in tour e che acquisti i miei dischi.

D: Quali sono i tuoi futuri progetti?
R: Ora stiamo cercando di lanciare sul web un singolo con un videoclip, dopo magari un EP.

 


Ringraziamo Alessio per la sua collaborazione e per il tempo che ci ha donato, con l’augurio più grande di proseguire in questo meraviglioso percorso.

 

Recensione a cura di Stefania Meneghella
Intervista realizzata da Manuela Ratti
Pubblicazione a cura di Roberta Giancaspro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *