Alessandro Angelone- Un’anima che racconta

IMG-20190521-WA0016
Sabrina Rizzo- Lascia che la musica ti porti lontano
9 giugno 2019
Padre_immagine
Il padre buono
23 giugno 2019
Alessandro Angelone 1

Musicista e cantante

Sito web: Alessandro Angelone

Facebook: Alessandro Angelone

Digipak 2 ante.cdrScrivere su carta le proprie sensazioni, ci permette di metterci a nudo e mostrarci per ciò che siamo realmente, senza alcun filtro, senza paura. Per farlo è necessario molto coraggio, perchè ci si mette completamente in gioco. Il coraggio è una qualità che ad Alessandro Angelone non manca affatto, giovanissimo, ha deciso di farsi conoscere dal pubblico con il suo ultimo lavoro “Stars at dawn”, album intimista che ci fa conoscere le sfaccettature del giovanissimo artista. Classe 2002 Alessandro Angelone nasce e vive a Pescara, città in cui studia da liceale e svolge il suo percorso di formazione musicale dal 2014 presso l’APM – Accademia Professione Musica nei corsi di chitarra moderna con il Maestro Beny Conte e nei laboratori di musica d’insieme jazz con il Maestro Gianluca Esposito.
Autore SIAE dal 2017, ha partecipato al concorso Take me back con il suo brano “Dreams”, per una colonna sonora d’autore, e a diversi concerti organizzati dall’APM eseguendo sin dagli esordi anche proprie composizioni in fingerstyle e accompagnamenti ad esibizioni voce. Ottiene il primo posto al concorso SGT Music Awards nel 2017 e fa lo stesso al 1° Concorso Anxanum Music Awards nel 2018. I generi musicali frequentati in poco più di cinque anni vanno dal pop al jazz, con affondi nel blues e nel rock. Nel 2019 si appresta a conseguire l’8° ed ultimo livello di chitarra acustica presso il Trinity College of London in Italia, sempre con l’accreditata APM, preparando contemporaneamente il 7° di chitarra elettrica. A seguito dei consigli artistici del M° Beny Conte e dell’incontro con Music Force, Alessandro Angelone compone e pubblica il suo primo album “Stars_at_dawn”

Lasciamo la parola a Alessandro Angelone con l’augurio di proseguire in questo meraviglioso percorso.


D: Come nasce la passione per la musica?

R: Nasce presto. Mi sono appassionato allo strumento appena l’ho tenuto in mano. Poi con gli Scout la passione è cresciuta ed è arrivata al massimo frequentando l’Accademia Professione Musica (APM) col Maestro Benedetto Conte.

D: Sei giovanissimo, come riesci a conciliare i tuoi studi con la musica?
R: Prendo in mano lo strumento non appena ho tempo.

D: Cosa rappresenta per te anche la scrittura della musica?
R: È molto importante. A me serve per capire meglio la musica teorica e per lasciare una traccia della mia musica (anche se oggi è possibile farlo in diversi modi).

D:  Quali sono state le tue maggiori influenze in ambito musicale?
R:Ci sono diversi autori, Tommy Emmanuel su tutti.

D: Raccontaci di Stars_at_ dawn il tuo primo album?
R:Stars_at_dawn è una raccolta delle mie prime composizioni, che ho messo a punto nell’arco di due anni circa. Dentro queste sono custodite tracce della mia vita, che non hanno da comunicare null’altro che emozioni, stati d’animo. Così ogni brano riflette una parte distinta del mio vissuto.

D: Qual è la traccia a cui sei più legato del tuo album? Perché?
R: Certainties mi suscita più ricordi di tutte, per cui è quella di cui sono maggiormente geloso. Non posso però tralasciare gli altri, tutti mi scavano ancora. In sequenza, adesso, posso indicare Leaden heart e Night.

D: Come immagini la tua vita tra 10 anni?
R: Mi auguro di avere più risposte e più domande.

D:  Credi che la musica continuerà a far parte della tua vita quando sarai più grande?
R:La musica farà sempre parte della mia vita, questo è sicuro.

D: Quali sono i tuoi futuri progetti?
R: Ho intenzione di continuare a comporre e magari sbarcare sul web con dei video quest’estate; insomma, continuare con il lavoro creativo ma anche con quello di maggiore comunicazione e apertura verso un mio pubblico, tutte cose che molto discretamente mi invitano a fare (anzi, ad essere) l’APM e la mia casa discografica Music Force.


Ringraziamo Alessandro Angelone per la sua collaborazione e per il tempo che ci ha donato, augurandogli di continuare a sorprenderci e sorprendersi.

Intervista realizzata da Manuela Ratti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *